Massimo Donelli: «Perché 1 giornata a Ibra e 2 invece a Palacio, essendo medesima la ragione del rosso diretto?»

Il giornalista ha girato questa domanda in risposta a tweet del collega Paolo Ziliani: quando fu espulso nel 2012 "El Trenza" giocava nel Genoa

2419
Rodrigo Palacio autore di una doppietta al Napoli nel gennaio 2012 (Foto Massimo Cebrelli/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il collega Massimo Donelli ha rivolto una domanda interessante in un tweet di risposta a Paolo Ziliani sulla differenza di trattamento tra Ibrahimovic e l’ex genoano Palacio. «Perché 1 giornata a Ibra e 2, invece, a Palacio (quando giocava nel Genoa, anno 2012), essendo medesima la ragione del rosso diretto?» chiede il celebre giornalista genovese. Facciamo un passo indietro: Donelli si riferisce a quanto accaduto il 6 maggio 2012 in Udinese-Genoa 2-0. Correva il 37° minuto del primo tempo: l’arbitro Paolo Tagliavento espulse immediatamente l’allora attaccante rossoblù Palacio per l’ormai celebre espressione colorita in spagnolo “Andale cagon” che riteneva rivolta verso di lui, mentre in realtà il giocatore si rivolgeva a Moretti. Il fischietto ternano aveva già sanzionato Kucka con doppio giallo e conseguente espulsione: il Genoa terminò la gara in nove uomini e perse. Donelli ha anche inserito nel suo tweet un post di Repubblica.it in cui si legge: «Due giornate di stop anche per Rodrigo Palacio del Genoa “per avere, al 37° del primo tempo, rivolto all’arbitro un pesante insulto». La stessa motivazione di Ibrahimovic: ma allora qual è il motivo della diversa sanzione per i due giocatori?

 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.