Malagò: «Ripresa? Non è così scontato che tutto finisca bene»

«La Germania è un modello ma l'Italia non può recepirne solo delle parti» spiega il presidente del Coni

361
Malagò
Giovanni Malagò, Coni (da coni.it)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Giovanni Malagò è intervenuto su Rai2 sul tema ripresa del calcio italiano secondo il modello della Bundesliga. «I tedeschi hanno trovato un accordo con le tv per le partite in chiaro, hanno messo d’accordo i calciatori di seconda e terza serie. Da noi invece ci sono molti punti interrogativi. Starò sempre dalla parte del calcio giocato, però non deve diventare un obbligo. Non è così scontato che tutto finisca bene: c’è stato il provvedimento playoff-playout ma la partita è aperta» spiega il numero uno del Coni.

«L’ultimo Consiglio Federale ha demandando alla Figc una serie di responsabilità come quelle sulla giustizia sportiva e sui format dei campionati. La deroga è stata coraggiosa ma corretta. La Lega Dilettanti, un movimento mostruoso, forte di questa situazione ha già preso una decisione, e si sa esattamente cosa succede: si fermano. Gli altri sono rimasti a metà del guado» chiosa Malagò.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.