L’Italia manda il Belgio all’inferno e vola nel paradiso della semifinale

Gli azzurri vincono 2-1 con una gran prestazione e eliminano i diavoli rossi

559
Barella festeggiato dai compagni dopo il gol (Foto tweet ufficiale @vivoazzurro)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

L’Italia passa con grande merito alla semifinale con la Spagna, vittoriosa ai rigori con la Svizzera. Il Belgio sembra essere baldanzoso e pericoloso, ma è l’Italia ad andare in gol con Bonucci: l’arbitro Vincic annulla giustamente per fuorigioco. Ma al 32′ la rete è valida: sbaglia l’uscita Vertonghen che dà il pallone a Verratti. Il regista serve Barella che si libera in mezzo a due avversari e batte Courtois. Al 44′ il capolavoro di Insigne: il fantasista avanza sul fronte sinistro d’attacco, evita due avversari e lascia partire un perfetto tiro con un grande effetto che batte il portiere. E’ il 2-0: ma all’ultimo minuto arriva un generosissimo rigore per i belgi. Contatto spalla a spalla tra Di Lorenzo e Doku: quest’ultimo si lascia cadere e l’arbitro fischia il penalty. Dal dischetto Lukaku non sbaglia.

La ripresa inizia con l’Italia all’attacco: in apertura Chiesa va vicino al 3-1. Al 59′ all’interno dell’area di rigore c’è un contatto fra De Bruyne e Jorginho: l’arbitro consulta il Var e poi lascia proseguire. Poi occasione per i diavoli rossi: De Bruyne serve Lukaku sottoporta, il centravanti tira a botta sicura, ma Spinazzola con la coscia devia in angolo. Spinazzola, dopo aver sfiorato il gol, dovrà poi lasciare il campo anzitempo per infortunio. Nel finale, manata di Witsel sul volto di Belotti, entrato al posto di Immobile, ma l’arbitro non vede. Si prosegue con un lungo recupero, ma alla fine l’Italia vince meritatamente 2-1: si va in semifinale a Wembley martedì 6 luglio contro gli spagnoli.

 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.