Lesione muscolare di secondo grado per capitan Criscito

In una nota, il club rossoblù spiega che gli esami l'hanno evidenziata «a carico del muscolo semitendinoso della coscia sinistra, in corrispondenza della giunzione miotendinea prossimale». Si può ipotizzare uno stop di tre settimane

3317
Criscito Genoa
Criscito a terra (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Genoa ha reso noto il risultato degli accertamenti a cui si è sottoposto il capitano Mimmo Criscito per appurare l’entità dell’infortunio subito nella gara col Milan. «Gli esiti hanno evidenziato – si legge in una nota del club rossoblù – una lesione di secondo grado a carico del muscolo semitendinoso della coscia sinistra, in corrispondenza della giunzione miotendinea prossimale. Nei prossimi giorni avrà inizio l’iter di riabilitazione finalizzato alla guarigione clinica». Si può ipotizzare, ad essere ottimisti, un periodo di riabilitazione pari a tre settimane: è una fortuna che ci sia la sosta del campionato. Se il fisico di Criscito rispondesse in modo positivo alle cure, potrebbe anche rientrare per la gara al Ferraris contro il Brescia di sabato 26 ottobre (ore 20.45). Altrimenti, potrebbe rientrare mercoledì 30 ottobre in occasione della gara contro la Juventus all’Allianz Stadium.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.