Lega serie A: via libera alla media company

La nuova società gestirà i diritti tv e anche quelli commerciali

822
Serie A lega stemma Sampdoria Genoa

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

L’assemblea della Lega Serie A svoltasi oggi a Milano ha dato il via libera al progetto di una media company. I 20 club hanno votato all’unanimità il progetto: nessuna decisione sulle due offerte delle cordate (da un lato Cvc, Advent e Fsi, dall’altro Bain-Nb Renaissance) dei fondi, come riporta il sito de La Repubblica. La nuova società tratterà direttamente con le emittenti.

Al termine della riunione il presidente Paolo Dal Pino è intervenuto in conferenza stampa per commentare il lavoro svolto: «Ora ci sono alcuni passi da fare, approfondiremo le due proposte delle cordate per la media company perché ci sono alcuni dettagli da verificare. La Lega ha lavorato per anni con intermediari, ma è ora che il valore resti in casa».

Dal Pino ha parlato anche sulla possibilità di rivedere i tifosi allo stadio: «Il sistema senza tifosi rischia di collassare, togliere la possibilità di avere fatturato dalla biglietteria per le nostre squadre è un elemento dirompente. Dobbiamo essere prudenti, ma facendo le cose giuste il pubblico deve tornare».

Dal Pino ha poi concluso sulla nuova legge sugli stadi: «Domani c’è un passaggio fondamentale per il nostro futuro, ovvero l’approvazione della legge sugli stadi alla Camera. Dobbiamo avviare in fretta i processi di ammodernamento degli attuali impianti e della costruzione dei nuovi stadi per poter restare al passo con il resto d’Europa. E’ fondamentale anche dal punto di vista della media company: se fai un prodotto con stadi non adeguati, è difficile competere».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.