L’Acg rompe definitivamente con Preziosi: «Se ne vada proprietario!»

In un durissimo comunicato, l'Associazione afferma: «Siamo stanchi di esternazioni fantasiose e continuamente disattese»

5057
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

In un durissimo comunicato l’Associazione Club Genoani rompe definitivamente con il presidente del Genoa Enrico Preziosi. Per scelta editoriale, abbiamo eliminato le parti che potevano offrire eventuali motivi di azioni giudiziarie.

«Le parole di questa lettera aperta non sono dettate da livore o rabbia (…)

Queste sono parole (….) per una gestione (…) dove il tifoso viene visto quasi con fastidio e, soprattutto, dove è considerato solo un mezzo per introiti economici.

Ci basta solo citare il commercio del trattamento dei dati personali degli abbonati e (…) di Genoa Tribue e di Genoa Experience, dove la passione di bambini e famiglie viene sfruttata a puro scopro di lucro (…)

Qui non si tratta neanche di sport, di calcio, o di risultati ma di passione, amore, sentimento, lealtà, ripetutamente calpestati da questa dirigenza (…) una dirigenza che è riuscita ad anestetizzare una tifoseria e a creare contrapposizioni in essa.

Siamo di fronte allo scempio (…) nei confronti di un popolo fiero e indomito che osserva attonito un morbo insinuante avvelenare il vecchio Grifone e l’intera tifoseria.

I giocatori non hanno più il permesso di partecipare alle feste dei club, dove avrebbero potuto cogliere il significato profondo della genoanità, fatta di quel rapporto viscerale con la squadra, rapporto che si tenta in ogni modo di disintegrare.

I giocatori non hanno potuto aderire fino in fondo al Progetto Scuola, organizzato da anni dall’Associazione, un lavoro iniziato sette mesi prima con la promessa di collaborazione ma che ha visto il diniego da parte dei vertici societari alla possibilità di presenziare alle premiazioni a conclusione del progetto.

Queste sono le cose che hanno creato una spaccatura ormai insanabile con questa dirigenza priva di sentimenti e di alcun tipo di comprensione per la realtà della tifoseria organizzata.

I liguri sono gente fiera abituata a lottare per ogni centimetro di terra e ogni miglio di mare, non temono la sofferenza ma non sopportano la menzogna, l’arroganza e la vanagloria, l’ostentazione di se stessi falsa e mendace.

(…)

Siamo stanchi!

Siamo stanchi di osservare quotidianamente lo scempio morale che la (…) gestione porta avanti in maniera quasi provocatoria.

(…)

Siamo stanchi di esternazioni fantasiose e continuamente disattese.

SE NE VADA PROPRIETARIO!

Ci liberi da questo schifo (…)

(…)

Il direttivo dell’Associazione Club Genoani

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.