LA REPUBBLICA – Elezione di Miccichè, si muovono i pm: sequestrati i voti mai scrutinati

La Guardia di Finanza ha acquisito l'urna con i voti dei 20 club

378
Miccichè
Gaetano Miccichè

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

La Procura della Repubblica di Milano ha aperto un fascicolo sulla contestata elezione di Gaetano Miccichè alla presidenza della Lega serie A il 18 marzo 2018. Il quotidiano La Repubblica riporta che anche se non ci sono ancora indagati, la Guardia di Finanza ha acquisito l’urna con i voti dei 20 club. I fatti erano già stati esaminati da un’inchiesta della Procura Figc, archiviata “con riserva” che portò alle dimissioni di Micciché lo scorso novembre. All’esame dei magistrati inquirenti la modalità dell’elezione, giunta con l’acclamazione senza lo spoglio a scrutinio segreto: è stato in pratica un voto palese, contro quanto previsto dallo statuto della Lega. Il sito Business Insider pubblicò un audio che aveva aperto il caso, rilanciato in seguito da una dichiarazione del presidente del Genoa Enrico Preziosi: «L’elezione non è stata corretta».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.