La Lega di A condanna l’aggressione all’arbitro Bernardini e lo striscione contro Preziosi”

Entrambi i due episodi, si sottolinea in un comunicato, "non hanno nulla a che fare con la cultura sportiva di un paese civile"

1171
Il "badge" della Serie A 2018/2019
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

In un comunicato sul sito ufficiale, la Lega di serie A ha stigmatizzato l’aggressione al giovane arbitro romano Riccardo Bernardini e lo striscione esposto in Gradinata Nord contro Enrico Preziosi: “La Lega Serie A registra con immenso dispiacere il verificarsi di due incresciosi e gravi fatti che offuscano l’immagine del calcio italiano. L’atto di violenza ai danni del giovane arbitro Riccardo Bernardini e l’inaccettabile striscione esposto contro il Presidente del Genoa Enrico Preziosi non hanno nulla a che fare con la cultura sportiva di un paese civile. La Lega Serie A condanna fermamente i due vergognosi episodi e si augura di non dover più evidenziare in futuro simili atti di aggressione e intimidazione”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.