La Juventus congela gli stipendi da marzo a giugno

«Nelle prossime settimane saranno perfezionati gli accordi individuali con i tesserati, come richiesto dalle normative vigenti» spiega una nota del club bianconero

290
Juventus
(da juventus.com)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Attraverso un comunicato, la Juventus ha reso noto il congelamento degli stipendi dei calciatori e dello staff tecnico di Maurizio Sarri per quattro mensilità, ossia fino al termine della stagione (al momento vigente) al 30 giugno. In una nota ufficiale si legge: «Juventus Football Club S.p.A. comunica, in ragione dell’emergenza sanitaria globale attualmente in corso che sta impedendo lo svolgimento dell’attività sportiva, di aver raggiunto un’intesa con i calciatori e l’allenatore della Prima Squadra in merito ai loro compensi per la restante parte della corrente stagione sportiva.

L’intesa prevede la riduzione dei compensi per un importo pari alle mensilità di marzo, aprile, maggio e giugno 2020. Nelle prossime settimane saranno perfezionati gli accordi individuali con i tesserati, come richiesto dalle normative vigenti.

Gli effetti economici e finanziari derivanti dall’intesa raggiunta sono positivi per circa euro 90 milioni sull’esercizio 2019/2020».

La nota si conclude con un’eventualità: «Qualora le competizioni sportive della stagione in corso riprendessero, la Società e i tesserati negozieranno in buona fede eventuali integrazioni dei compensi sulla base della ripresa e dell’effettiva conclusione delle stesse». Di fatto, con questo provvedimento, si può pensa che il campionato va verso la sua sospensione definitiva: si attendono le decisioni degli altri club in merito.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.