La bolla di Nicola

Il tecnico deve costruire un perimetro accessibile solo ai calciatori e alla tifoseria: fuori le polemiche, le calunnie, gli insulti

4401
Nicola Genoa
Mister Nicola al centro del Genoa (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

L’argento vivo di Davide Nicola è un lampo di luce nella buia stagione del Genoa. Il suo atteggiamento positivo e fiero, contrapposto all’accigliato e imperturbabile Thiago Motta, è il miglior viatico per il girone di ritorno che si preannuncia duro come una volta, quando il Grifo doveva salvarsi all’ultimo minuto dell’ultima giornata. Nicola irradia fiducia fin dal primo giorno del suo ritorno al Pio perché crede fermamente nella salvezza, nonostante l’ultimo posto in classifica.

Per riuscire nell’impresa sportiva il tecnico del Genoa, chiamato a svolgere un lavoro globale, non solo di campo, deve costruire una bolla attorno a sé. Un perimetro accessibile solo ai calciatori e alla tifoseria. Fuori le polemiche, le calunnie, gli insulti a priori. É il primo passo affinché i rossoblù non perdano la concentrazione o sperperino energie nervose che saranno fondamentali nelle prossime partite. Il sostegno del proprio pubblico al Ferraris e la vicinanza in trasferta saranno fondamentali per facilitare la vita a una squadra fragile, talvolta impaurita dagli eventi, che può perdersi definitivamente se infilerà un’altra serie di sconfitte. Ci vorrà equilibrio e tanta pazienza ma Nicola merita un tentativo con ogni mezzo disponibile.

La bolla deve proteggere il Genoa e la permanenza in Serie A, mai stata così tanto a rischio come nelle ultime due annate. Da Firenze a Firenze: otto mesi dopo lo 0-0 salvezza la situazione è peggiorata in casa rossoblù e il compito di Nicola è certamente più gravoso di quello che a suo tempo sbrigò Prandelli tra mille difficoltà. Il Grifo cercherà di fare punti contro una Fiorentina rinata con l’avvicendamento tecnico ma pur sempre vulnerabile e delusa dalla prima parte di stagione. Così stando le cose il Genoa di Nicola non può più fare regali, ma dalla propria bolla deve iniziare a comunicare una forte unità d’intenti attraverso una prestazione solida.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.