Juric spegne gli eccessi: testa solo all’Udinese

Il tecnico sa che il Grifone ha strappato un risultato clamoroso ma la circolazione di palla non è stata delle migliori. Il suo calcio passa necessariamente dal gioco

1452
Juric Genoa
La gioia dello staff tecnico del Genoa (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Le continue vittorie della Juventus, anche in campo continentale, non fanno altro che avvalorare il risultato del Genoa allo Stadium. Il tempo farà capire l’importanza capitale, per tempismo e avversario, dell’1-1. Juric resta, però, prudente quando arriva a dichiarare: «Il pareggio contro i bianconeri? Sono sincero, non me ne importa niente». Diretto come i popoli di quella zona mediterranea, altresì onesto intellettualmente: avrebbe risposto così anche in caso di sconfitta. É come se Juric avesse voluto portare tutti fuori dallo Stadium, spegnendo gli eccessi persuasivi che in passato costarono caro al suo Grifone.

Direzione Udinese, la meta. La sfida con i friulani sarà l’incipit di un nuovo capitolo rossoblù. Punto e a capo: adesso inizia un’altra storia, più serena, meno tumultuosa degli ultimi dodici mesi. Juric guida il ritorno alla normalità del Genoa e il prossimo passo consiste in una vittoria. Battere l’Udinese alimenterebbe l’entusiasmo accumulato a sorpresa a Torino, sul campo più difficile della Serie A. Tre punti, quindi, per dare senso al pareggio dello Stadium e per scansare ogni dubbio su presunti tuffi in mare di signorine civettuole.

Juric ha dato l’impressione di essere in forma e lucido nell’analisi di fine gara. Il Genoa ha sì strappato un risultato clamoroso ma la circolazione di palla non è stata delle migliori. La Juve, orfana di Chiellini che è l’architrave della difesa, non esercitava una buona pressione sulla palla: ecco perché i rossoblù dovevano avere maggiore serenità nel palleggio. Il momento, l’avversario giù di corda ma comunque complicato e altri legittimi impedimenti umani (di testa) hanno irrigidito il Genoa. Juric l’ha notato e denunciato davanti alle telecamere: dopotutto lo sviluppo del calcio che professa passa necessariamente dal (bel) gioco. Una partita, un punto. Tuttavia la fredda statistica non dice che le continue vittorie della Juventus non faranno altro che avvalorarlo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.