Italia bloccata e senza brillantezza, Retegui in ombra

Il ct Spalletti: «Davanti non abbiamo gestito bene la palla nella metà campo della Turchia»

Retegui Nazionale Italia
Il sinistro di Mateo Retegui (foto di figc.it)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il solito problema della Nazionale italiana si manifesta, ancora una volta, a una decina di giorni dall’esordio all’Europeo. L’Italia, manifestamente appesantita dai carichi di lavoro extra smaltiti nel ritiro di Coverciano, non è andata oltre lo 0-0 in amichevole contro la Turchia del ct Montella. Partita lenta, bloccata dall’inizio alla fine. Senza intraprendenza e con poco divertimento: infatti, verso il 77′ il pubblico dello stadio Dall’Ara di Bologna ha lanciato la “ola” sugli spalti. Azzurri fermati dal palo colpito da Cristante nel recupero del primo tempo, in ombra Retegui: l’attaccante del Genoa, schierato titolare dal ct Spalletti fino al 68′, ha ricevuto quasi nessun pallone utile ma, più di tutti, complice la sua stazza fisica, ha accusato la fatica fisica dei giorni scorsi.

Retegui Italia Nazionale
Mateo Retegui, primo in alto da sinistra, con l’Italia (foto di figc.it)

«Non siamo stati brillanti e continui, però in alcuni momenti la squadra è stata alta. É la classica partita d’inizio per mettersi a posto in alcune situazioni. Ci prendiamo tutto il tempo possibile per le scelte finali. Davanti non abbiamo gestito bene la palla nella loro metà campo, abbiamo perso troppe palle facili e “pulito” pochi palloni troppo facili per il livello che vogliamo raggiungere» spiega mister Spalletti alla Rai.

Genoa Pianetagenoa1893.net Gilardino Gudmundsson Whatsapp

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.