Intrigo Gigović, l’Anderlecht si defila e il Genoa resta in corsa

HIF alle prese con problemi economici: attesa l'offerta del Grifone

2140
Gigovic
Armin Gigovic (dalla sua pagina Instagram)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Tre settimane fa, stando a FotbollDirekt, il Genoa avrebbe comunicato all’Helsingborgs IF l’intenzione di acquistare Armin Gigović, talentuoso centrocampista centrale classe 2002 messosi in mostra nel corso dell’ultima Allsvenskan. In particolare – si leggeva – il Grifone aveva pronti sul piatto 19 milioni di SEK che l’Helsingborg, nonostante l’impatto devastante che la pandemia da nuovo coronavirus aveva avuto sulle già fragili finanze sociali, avrebbe prontamente rifiutato.

A quel punto, però, la trattativa è proseguita su binari differenti. Come riportava Fotbollskanalen citando Gianluca Di Marzio, il Genoa avrebbe alzato la posta in palio: tre milioni tondi di euro, equivalenti a 32 milioni di SEK. Al contempo, su Gigović ecco arrivare l’interesse dell’Anderlecht: il club belga, a quanto riporta VoetbalBelgie, avrebbe proposto all’Helsingborg 1,9 milioni di euro, equivalenti a circa 20 milioni di SEK. Al rifiuto da parte del club della Scania, che non s’è mosso dalla richiesta di 30 milioni di SEK, dal Belgio hanno fatto sapere di non aver più interesse a trattare il ragazzo che, adesso, potrebbe arrivare al Genoa. Il club più antico d’Italia, sempre secondo Fotbollskanalen, dovrà però alzare l’offerta.

Armin Gigović, classe 2002 nato a Lund ma dalle origini bosniache, ha giocato 14 gare nello scorso campionato d’Allsvenskan e tutte e 6 le giornate finora disputate. Mediano, impiegato sulla trequarti contro l’Häcken, ha segnato esattamente lunedì scorso il suo primo gol da professionista, decisivo ai fini del pari esterno per 2-2 contro il Djurgården. Ora, la squadra in cui milita peraltro l’ex rossoblù Andreas Granqvist vorrà monetizzare al massimo il talento svedese: a fine marzo, il presidente dei rossoblù Krister Azelius spiegò che il passivo di 15 milioni di SEK avrebbe minato l’ottenimento della licenza necessaria all’iscrizione nell’attuale campionato. Oggi l’HIF oggi è riuscito a iscriversi, ma sul campo è ultimo in classifica, la posizione del tecnico Mellberg è a rischio e persiste la preoccupazione per i conti che – a causa dello stop imposto dal Covid-19 – inevitabilmente non tornano.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.