Il Genoa prova a mettere la doppia P con Pandev e Pinamonti

Uno tra Agudelo e Gumus completerà il nuovo tridente offensivo del Grifone

1094
Pandev Pinamonti Genoa
Goran Pandev e Andrea Pinamonti (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Giorno dopo giorno Thiago Motta riacquisisce i pezzi del suo Genoa sparsi in giro per il mondo. Il primo a tornare è stato il Cuti Romero che ha saltato la finale del torneo quadrangolare canarino (vinto contro il Brasile): il difensore argentino, rigenerato dal nuovo tecnico rossoblù, sarà pronto per l’allenamento di oggi. A Pegli farà capolino anche Kevin Agudelo, una delle rivelazioni della Serie A: il colombiano Under 23 è di ritorno dal Giappone dove a Hiroshima – assieme al leccese Vera – ha battuto 2-0 i padroni di casa. I ct Batista e Reyes terranno in considerazione Romero e Agudelo per il torneo preolimpico che all’inaugurazione (18 gennaio) proporrà subito Colombia-Argentina.

Domani sarà il turno di Schöne e Ankersen mentre giovedì i chiudifila saranno “il vecchio e il bambino”, per dirla alla Guccini, Pandev e Pinamonti. Dai loro gol e dalle loro giocate di qualità passerà buona parte del futuro del Genoa dacché Kouamé, il goleador del Grifone, ha terminato anzitempo la stagione. Pandev e Pinamonti, la doppia P rossoblù, nell’accezione diametralmente opposta a quella automobilistica. Una coppia dotata di ogni caratteristica utile nel calcio: il macedone ha tecnica, precisione ed esperienza, l’attaccante della Val di Non declina a meraviglia la parola “sacrificio” e ha una grande potenza nelle gambe. Con Agudelo (o Gumus) il trio offensivo si presenta bene.

Ci sarà bisogno di tutti nella volata a Natale. A cominciare dalla trasferta di Ferrara laddove la posta in palio peserà di più perché ambo le squadre scenderanno in campo consci dei risultati di tutte le altre squadre. E questo influisce sempre nella testa dei calciatori, seppur minimamente, al di là delle prevedibili dichiarazioni di senso opposto. Mister Motta lavorerà con il gruppo completo per quattro giorni (tre allenamenti e una rifinitura di domenica). Nel mentre riacquisisce i pezzi del suo Genoa sparsi in giro per il mondo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.