Rebus centrocampo: il Genoa pensa al ritorno di Cofie

L'eventuale ritorno del ghanese, al momento svincolato, non osta all'arrivo di Bertolacci che continua a tentennare di fronte a un quadriennale rossoblù da favola

5669
Cofie
Cofie e Bessa (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Genoa ragiona per completare il puzzle di centrocampo. Secondo Ballardini in tale reparto manca qualcosa, ma non si è capito bene se uno o – addirittura – più uomini. Dopo i molti acquisti il mercato rossoblù vive da qualche giorno una fase di stallo che lascia irrequieti non solo i tifosi: devono uscire almeno otto giocatori poiché a Bardonecchia sono in ventisei, senza contare Rolon, i tagliati El Yamiq, Rossettini, Galabinov, Asencio e gli infortunati Callegari e Sandro. Prima le cessioni, poi gli ultimi dettagli, verrebbe da capire.

Dell’esigenza di Ballardini se ne sta facendo carico Enrico Preziosi che da settimane ha offerto a Bertolacci un quadriennale da favola, per le linee guida rossoblù. I continui tentennamenti del centrocampista romano, l’irreversibile conto alla rovescia del mercato (terminerà alle ore 20 del 17 agosto) e la necessità di trovare un quarto calciatore cresciuto nel vivaio genoano impongono, però, di guardarsi altrove. Dal concorso di tali fattori emerge un profilo, quello di Isaac Cofie.

L’eventuale ritorno del ghanese, al momento svincolato, non osta all’arrivo di Bertolacci. Sono calciatori con caratteristiche differenti e, giova dirlo, sembrerebbe che il Genoa stia cercando più un metodista che un incontrista. Però Cofie stesso, nel saluto ai tifosi genoani, aveva tenuto aperta una porticina: «…vi scrivo alla vigilia della mia (forse) ultima partita con la Nostra amata squadra…». La maggioranza dei genoani ha tributato un costante rispetto al ghanese il quale non ha mai tradito contraccambiando con prestazioni tutto cuore e umiltà. Cofie, il calciatore dal sorriso inossidabile, può tornare al Genoa e se lo farà non sarà un tappabuchi: un mediano come lui, faticatore dal “sei” periodico in pagella, serve sempre. Isaac sarebbe felicissimo di rivestire i colori che lo hanno lanciato nel professionismo ed è giusto che il Genoa pensi a lui per completare il puzzle a centrocampo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.