IL FATTO QUOTIDIANO – I soldi di Sky e Dazn: incubo della serie A

Le due emittenti non hanno intenzione di pagare ai club la sesta e ultima tranche della stagione 2019-2020 pari a 151,5 milioni: ma la situazione è ancora peggiore

763

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

I club di serie A, già indebitati per 2,5 miliardi di euro e messo a bilancio 717 milioni di plusvalenze quasi tutte non congrue, sono molto preoccupati per le prossime mosse di Sky e Mediaset. Il Fatto Quotidiano, a firma Paolo Ziliani,spiega stamane che le due emittenti non hanno intenzione di pagare ai club la sesta e ultima tranche della stagione 2019-2020 pari a 151,5 milioni: ma la situazione è ancora peggiore. Infatti, Sky ha trasmesso, a causa dello stop per il Coronavirus, soltanto 180 delle sue 266 partite mentre Dazn 76 su 114: mancano dunque ben 124 partite (120 dei 12 turni più 4 recuperi) per un totale di 316,5 milioni, più del doppio dei 151,5 milioni detti in precedenti. Sky e Mediaset non solo non vogliono pagare questa somma, ma pretendono la restituzione dei soldi della penultima rata se un terzo di campionato non sarà mai giocato.

Non solo: mentre la Lega era intenta a parlare con Mediapro, per la prossima asta triennale dei diritti tv, Sky potrebbe non reclamare ai presidenti, che l’hanno già spesa, la 5a rata da 151,5 milioni, ma solo a patto di riottenere i futuri diritti sino al 2014 a prezzo decisamente inferiore rispetto all’ultimo bando, ossia di 973 milioni, la cifra più bassa dei primi 5 campionati europei. Tirando le fila, spiega Ziliani: «Comunque vada, sarà una catastrofe».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.