Il direttore della Asl 3: «Faremo il possibile per far allenare il Genoa»

Maura Ferrari Bravo a Sky Sport: «Vogliamo farlo arrivare nelle migliori condizioni possibili alla partita contro il Torino»

542
L'ingresso del Centro Sportivo "Signorini" del Genoa (Foto Genoa cfc Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Faremo il possibile per far allenare il Genoa e farlo arrivare nelle migliori condizioni possibili alla partita contro il Torino». Maura Ferrari Bravo, direttore igiene e sanità pubblica della Asl 3 di Genova, è intervenuta stamane a Sky Sport 24 riguardo alle restrizioni imposte agli allenamenti del Genoa a Pegli.

SICUREZZA GIOCATORI – «L’approccio per la sicurezza dei calciatori è basato sia su una diagnostica tempestiva delle varie positività tardive, quindi cerchiamo di utilizzare test validi a livello ministeriale a ridosso dell’allenamento. In più, aggiungiamo altre precauzioni operative: visto che non ci si può allenare con la mascherina, si è deciso di trovare un protocollo operativo che gestisca sia l’allenamento in campo con il distanziamento, sia la permanenza all’interno degli spogliatoi, in modo da evitare contatti fra i calciatori».

ALLENAMENTI – «Siccome non esiste una normativa specifica sugli allenamenti, mentre esiste un protocollo nazionale sulle partite, stamattina abbiamo deciso di valutare meglio anche alla luce delle nuove normative sui tamponi, per far allenare meglio i giocatori in sicurezza. Chiederemo degli esami suppletivi. Quindi gli allenamenti non sono stati impediti, ma posticipati in maniera da poter garantire una piena sicurezza».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.