Ifab, novità regolamentare: abolito il fallo di mano in zona d’attacco

La norma cesserà d'avere efficacia a decorrere dal 1º luglio 2021

3878
Orsato Ifab
Daniele Orsato (foto di genoacfc.it)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Stamane l’assemblea generale dell’Ifab, l’ente internazionale degli arbitri, ha approvato un’importante novità regolamentare. È stata, infatti, abolita la norma del fallo di mano in zona d’attacco e il conseguente annullamento automatico del gol. Tale regola, introdotta nell’agosto del 2020 e parzialmente modificata nei mesi scorsi, cesserà d’avere efficacia a decorrere dal 1º luglio 2021. Pertanto, il fallo di mano in attacco tornerà ad essere valutato in base ai parametri come l’aumento del volume del corpo e la posizione innaturale delle braccia.

Di seguito il comunicato Ifab: «Durante l’AGM sono stati concordati vari cambiamenti e chiarimenti alle Regole del Gioco, con un focus particolare sulla Legge 12 – Falli e cattiva condotta – con novità relative alla prossima stagione. Poiché l’interpretazione dei falli di mano non è sempre stata coerente a causa di applicazioni errate della Legge, i membri hanno confermato che non ogni tocco della mano/braccio di un giocatore con la palla è un’infrazione. Il tocco di mano accidentale che porta un compagno di squadra a segnare un gol o ad avere un’opportunità di segnare una rete non sarà più considerata un’infrazione».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.