I racconti del Grifo e gli auguri di buon compleanno a Pelè

In occasione degli 80 anni del mitico fuoriclasse brasiliano, Massimo Prati espone la narrazione di un'amichevole Genoa-Santos giocata nel 1959

1441
Barison Pelé Genoa-Santos
Barison con Pelè (Foto archivio personale Massimo Prati)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“Rossoblù in vantaggio: Genoa uno, Santos zero”…alla fine i paulisti recuperarono lo svantaggio e vinsero per quattro a due. Ma, visto che il dato di cronaca lo consentiva, non ho resistito alla tentazione di rimarcare il vantaggio iniziale del Genoa sul Santos di Pelé.

In effetti, in qualche modo, “O Rey” è entrato a far parte anche della storia del Genoa.

Il fuoriclasse brasiliano, arrivato al Ferraris, era allora un diciannovenne. Ma, era già famoso a livello mondiale per il suo prezioso contributo alla conquista brasiliana dei Mondiali di Svezia, giocati nel ’58 e vinti anche grazie ai suoi sei gol.

Come si può vedere dalla foto che accompagna questo articolo, tratta dalla prima edizione dei Racconti del Grifo, Barison e Pelé si incontrarono il 30 giugno del 1959, nell’ambito di quella amichevole estiva.

Il Grifo era passato in vantaggio al quarto minuto con gol di Dalmonte. Ma il Santos aveva presto recuperato, grazie al gol del difensore Pavao. Era il quindicesimo minuto di gioco, nei successivi trenta minuti non si registrarono altre grandi emozioni. Il primo tempo, pertanto si chiuse sull’uno a uno.

Nella ripresa il Santos spinge sull’acceleratore e si registrano due reti di Pepe in rapida successione, all’8′ su un tiro potente e al 10′, su calcio di rigore. Quindici minuti dopo è proprio Barison a segnare il secondo gol dei rossoblù. Infine, il Santos farà poker con un quarto gol di Coutinho.

Da notare che, tra i tanti grandi giocatori di quella serata, brillano, a mio parere, le presenze di Zito e di Abbadie. Più “oscuro”, forse il lavoro del brasiliano, anche in ragione del ruolo in cui aveva quasi sempre giocato. Ma resta il fatto che questi due giocatori, Zito e Abbadie, hanno fatto la storia dei Campionati del Mondo e della Coppa Libertadores.

Va forse segnalato che i destini di Pelé e di Barison si incroceranno di nuovo, in ragione delle loro convocazioni ai mondiali inglesi del 1966, e nella classifica dei marcatori risulteranno appaiati con una rete ciascuno. In quella edizione dei Campionati del Mondo, la classifica era stata vinta da Eusebio, con nove reti, altro grande campione che, per inciso, venne a giocare al Ferraris in un’amichevole estiva di una dozzina di anni dopo, tra Genoa e Benfica. Amichevole che, più precisamente, ebbe luogo nell’agosto del 1971. Mentre nel Campionato di Svezia del 1958, quello dell’esordio mondiale di Pelé, “O Rey” si era piazzato secondo in classifica cannonieri, con 6 reti, dietro il francese Just Fontaine.

Tabellino

Genova, 30 giugno 1959, Stadio Luigi Ferraris.

Genoa-Santos 2-4

Genoa: Piccoli, Bruno, Caffaratti, De Angelis, Carlini, Leopardi, Dalmonte, Abbadie, Maccacaro, Pantaleoni, Barison.

Santos: Lala, Pavao (Fioti), Getullio, Morgao, Formiga, Zito, Alfredinho, Alvaro (Alfonsinho), Coutinho, Pelè (Dorval), Pepe.

Arbitro: Giovanni Rebuffo di Savona.

Reti: 5′ Dalmonte, 16′ Pavao, 53′ Pepe, 55′ Pepe (rigore), 59′ Barison, 82′ Coutinho.

Estratto della nuova edizione, di prossima pubblicazione, de “I Racconti del Grifo. Quando parlare del Genoa è come parlare di Genova”. La seconda edizione conterrà 13 nuove storie, e una nuova prefazione, che si aggiungono ai 18 racconti precedenti, tutti racchiusi in un unico volume.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.