GRIFO D’ATTACCO – Genoa travolto da un treno

La sfida con l'Hellas Verona sarà più difficile della gara di Firenze dell'anno scorso

3163
Grifo Pandev calcio campionato Serie A Nicola Agudelo Thiago Motta Andreazzoli Preziosi oscar Criscito Genoa Var Prandelli Nuti Juric Ponte Morandi Genoa Piatek

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Con la sconfitta di Reggio Emilia il Genoa si complica la vita con le proprie mani e da +4 sul Lecce precipita a +1: si deciderà tutto domenica 2 agosto. Parleremo del momento rossoblù con Beppe Nuti, giornalista di Telenord, nella 176ª puntata della rubrica di Pianetagenoa1893.net “Grifo d’Attacco”.

Sassuolo 5 Genoa 0. «É vergognoso perdere così nella partita che doveva essere uno stimolo unico per conquistare la salvezza. Il Genoa è una squadra vecchia, scassinata da infortuni e diffide, e senza mordente. Nicola ha schierato una squadra con poco senso tattico che eccezion fatta per i primi venti minuti non ha opposto resistenze ma, anzi, si è sciolta superata l’ora di gioco».

Ha capito qualcosa circa l’allontanamento di Nicola? «Qualcuno ha proferito qualche parola di troppo all’indirizzo di Maresca che se n’è risentito e ha esatto il nome del responsabile. Il perché non sia saltato fuori, con l’espulsione del mister come da regolamento, resta un mistero: forse lui e il team manager Pellegri volevano coprire il nome di un calciatore che sarà indispensabile contro il Verona. Non mi capacito di altre spiegazioni altrimenti l’interessato si sarebbe spontaneamente costituito».

Genoa-Hellas sarà più difficile di Fiorentina-Genoa? «Ne sono certo. Un anno fa bastava speculare sul pareggio facendo altresì affidamento sulla necessaria vittoria dell’Inter contro l’Empoli. Domenica sarà diverso perché il Parma non ha bisogno di punti e il Lecce giocherà con il sangue negli occhi. Il Grifone deve battere una squadra tosta che vuole arrivare ottava. La salvezza del Genoa è difficile, la squadra è atterrita come se fosse stata emotivamente travolta da un treno».

Juric ha già preso una netta posizione sull’atteggiamento dell’Hellas Verona al Ferraris. «É stato sibillino ma è il gioco delle parti. Conosco il tecnico spalatino, è un duro ma il suo animo è gentile: questo, però, non significa affatto che regalerà qualcosa al Genoa. I rossoblù dovranno conquistare la vittoria solo con le proprie forze ma ormai non so quante siano».

Alessandro Legnazzi | Beppe Nuti

Clicca qui per leggere il precedente numero del Grifo D’Attacco

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.