Goldaniga: «Un gol subito in sei partite, restiamo concentrati»

«Siamo obiettivi, il Torino è una squadra ben organizzata» spiega il difensore

804
Goldaniga Genoa
Il rinvio di Goldaniga (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Al microfono di Genoa Channel viene chiamato Edoardo Goldaniga che parla a tutto tondo dopo l’importante pareggio all’ombra della Mole, contro il Torino, che ha fruttato un punto importantissimo ed un’altra gara senza subire gol. Gli viene chiesto qual è il segreto della fase difensiva di questo Genoa: «Siamo contenti per come abbiamo fatto questa partita e di non aver preso gol. Continuiamo ad essere concentrati. In sei partite abbiamo preso un solo gol; siamo contenti per come sta lavorando la squadra, come sta lavorando la difesa, come ci stiamo comportando in queste partite. Speriamo di continuare su questa strada».

L’intervento su Belotti, nel primo tempo, è sviscerato dal difensore genoano: «È stato un intervento difficile perché comunque era quasi in area o forse già in area. È stato difficile perché eravamo in fase di palleggio ed abbiamo perso palla e quindi loro sono ripartiti. C’era da coprire un pericolo e per fortuna sono riuscito a chiuderlo».

La forza del gruppo di questo Genoa, la capacità di essere tutti protagonisti. Gruppo solido ed organizzato: «Entrare a freddo non è mai facile, però comunque bisogna farsi trovare pronti perché il mister ci tiene particolarmente, anche se partiamo dalla panchina. Dobbiamo essere concentrati e cattivi subito da quando siamo chiamati in causa. Questo è un gruppo che sta lavorando bene. Stiamo facendo delle grandi prestazioni, delle grandi partite. Durante la settimana lavoriamo tanto e siamo contenti di come sta proseguendo questa parte di campionato».

Occasioni tutte per il Genoa (palo di Zappacosta, Perin spettatore anche per il muro alzato davanti a lui). Mentalità che porta a voler sempre fare qualcosa di più, spiega Goldaniga: «Bisogna essere obiettivi. Oggi è stata una partita difficile perché il Torino è una squadra ben organizzata. Potevamo sicuramente vincerla per le occasioni che abbiamo avuto. Comunque era importante non prendere gol e non perdere. Cerchiamo di essere ambiziosi, però cerchiamo anche di essere umili e cercare di lavorare partita su partita e portare avanti il nostro percorso di crescita e di arrivare al nostro obiettivo il prima possibile».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.