Giovanni Porcella – Preziosi e le sue colpe: ora il Balla è l’ultima speranza

Il giornalista di Primocanale: «Il presidente assente al Ferraris al contrario del suo collega Ferrero, è il principale artefice di questo disastro aggravato dalla scelta di Thiago Motta»

11759
Porcella Genoa
Giovanni Porcella (foto da Primocanale)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

L’ennesima sconfitta nel derby getta nel baratro il Genoa che ormai si dibatte in una crisi terribile senza che ci sia un piano per uscirne. Il presidente Enrico Preziosi assente al Ferraris al contrario del suo collega Ferrero, è il principale artefice di questo disastro aggravato dalla scelta di Thiago Motta che però fa quello che può pagando pure la sua inesperienza e questo era da mettere in conto. Alibi? Stanno a zero come i tiri in porta dei rossoblù. La Sampdoria è vero ha fatto pochissimo, ma il regalo di Ghiglione ha saputo prenderlo al volo, mentre Sanabria non ha fatto altrettanto con il cadeaux di Ferrari. E non si tirino in ballo le assenze di Favilli e Sturaro che si sa da un anno che sono lungodegenti cronici. E nemmeno Agudelo e Pandev fuori per squalifica, autori di un suicidio a Lecce. D’accordo al Genoa non riesce di rubacchiare mai una partita, ma bisogna pure chiedersi il perché. In attacco è il deserto con Pinamonti persino svogliato. Non c’è un bomber dopo l’infortunio maldetto a Kouame’ l’unica gemma peraltro gia’ prenotata e venduta. A centrocampo c’è il caso Schone che sempre sostituito aggiunge malinconia ulteriore al suo disagio non nascosto attraverso interviste a giornali olandesi e in difesa se sbaglia uno, non c’è nessuno in grado di interrompere la catena di Sant’Antonio ed ecco il gol subito. E succede da inizio stagione. A Thiago Motta resta la partita con l’Inter, poi c’è aria di esonero. Il nuovo direttor e sportivo Marroccu pare aver scelto qualche pista del suo Cagliari. Così ci sono stati contatti con Ficcadenti e soprattutto con Diego Lopez oggi al Penarol. Sullo sfondo il nome di Guidolin già sondato e quello di Ballardini che pero’ è piu’ una suggestione dei tifosi che una volontà di Preziosi anche se le quotazioni del romagnolo sono in salita, in fondo è l’ultima speranza del presidente. Già, Preziosi darà via alla rivoluzione, l’ennesima, per cercare una salvezza che pare davvero lontana, ma senza spendere un euro (c’è ancora da pagare Lerager al Bordeaux visto che nessuno ha risposto ai francesi) diventa un’impresa pressoché impossibile. Intorno alla squadra e alla società c’è aria forte di contestazione. La tregua è durata nemmeno un’estate e ora è buio fitto come in inverno, come all’inferno.

Giovanni Porcella – Tratto da Grifhouse/Primocanale.it 

CLICCA QUI PER COMMENTARE LA NOTIZIA SUL BLOG DI PORCELLA

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.