Giovanni Porcella – Il Genoa non c’è più, serve una svolta

«Alla fine ci siamo sbagliati tutti a prendere per oro colato le belle cose viste ad agosto» scrive il giornalista di Primocanale sul suo blog

3843
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Genoa non c’è più, per forza ci vuole una svolta e a pagare potrebbe essere Andreazzoli, ma alla fine ci siamo sbagliati tutti a prendere per oro colato le belle cose viste ad agosto. Al sole dell’Olimpico invece il Grifo si squaglia di fronte ad una Lazio distante anni luce dai rossoblu’ quanto a disposizione tattica, preparazione fisica e qualità tecniche. I biancocelesti vincono 4-0 e la crisi del Grifone è conclamata con un solo punto conquistato nelle ultime 3 partite. Andreazzoli piu’ che mai è in bilico perchè dopo un avvio di stagione promettente, Criscito e compagni hanno spento la luce. Contro la Lazio di Inzaghi il tecnico ha effettuato l’ennesima rivoluzione con Schone, Zapata e Pinamonti, ovvero la crema della campagna acquisti di Preziosi, mandati in panchina con El Yamiq, Cassata e Sanabria tolti dalla naftalina e spediti in campo. Ora Andreazzoli e’ schiacciato dall’ombra dell’esonero con il valzer di nomi che avanzano da Pioli a Gattuso (forse non convinto di venire qui) , Nicola , Ranieri e il sempre pronto Ballardini. Il destino del tecnico pare segnato visto che sabato arriva il Milan. La società pero’ ha sopravvalutato la rosa come un po’ tutti e quindi non è esente da responsabilità in un campionato che ora sembra la fotocopia degli ultimi mesi del campionato scorso. Un film dell’orrore che non deve essere piu’ visto, così come la prestazione contro la Lazio: zero grinta, poca voglia ed errori difensivi da dilettanti allo sbaraglio. L’immagine piu’ emblematica pero’ e’ il gol fallito da due metri da Sanabria davanti alla porta, un colpo di testa fuori che poteva riaprire il match di fatto comunque chiuso poi da altre due reti subite della serie, “avenida Romero”. Dopo i gol fantozziani subiti a Cagliari ecco un’altra puntata di una trasferta da dimenticare.

Giovanni Porcella – Tratto da Grifhouse/Primocanale.it

CLICCA QUI PER COMMENTARE L’ARTICOLO SUL BLOG DI GIOVANNI PORCELLA

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.