Giovanni Porcella – Genoa a testa altissima contro l’ingiustizia

Il giornalista di Primocanale: «Alla pari con Sarri in tutto e per tutto, anche dopo la scellerata espulsione di Cassata per doppia ammonizione decisa dall'arbitro Giua alla faccia di ogni ragionevole dubbio»

2442

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Thiago Motta si è preso il Genoa. Rispetto alla gestione Andreazzoli, quantomeno nell’ultimo mese e mezzo, non c’è paragone. Il tecnico contro la Juventus ha mostrato con i rossoblu un calcio lineare, pulito e ritmato. Alla pari con Sarri in tutto e per tutto, anche dopo la scellerata espulsione di Cassata per doppia ammonizione decisa dall’arbitro Giua alla faccia di ogni ragionevole dubbio. Il Grifone ha giocato quasi un tempo inferiorità numerica spendendo molte energie che sono state pagate nel recupero quando Cristiano Ronaldo si è procurato il generoso rigore causato da Sanabria. Resta la buona prestazione ma manca un punto. E se la classifica piange è anche a causa dei last minute crack. Si perché il Genoa fin qui ha lasciato per terra almeno 4 pareggi proprio sul più bello, ovvero nel recupero o quasi. Contro l’Atalanta è arrivata una sconfitta al 93’ per il gran gol di Zapata. A Cagliari Kouamé pareggia all’85’ ma un minuto dopo ecco l’autorete di Zapata che spiana il successo dei sardi. Contro il Milan la sconfitta poteva essere evitata se Schöne non avesse sbagliato il rigore al 92’. E infine il fattaccio di Torino con Ronaldo che dal dischetto non sbaglia al 95’ condannando il Genoa ad una immeritata battuta d’arresto ancora figlia degli ultimi minuti fatali tra sfortuna ed errori. Domenica arriva l’Udinese ferita da due sconfitte pesanti. La concentrazione dovrà durare anche dopo il fischio finale.

Giovanni Porcella – Tratto da Grif House/Primocanale.it

CLICCA QUI PER COMMENTARE L’ARTICOLO SUL BLOG DI PORCELLA

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.