Giorgetti: “Genoa-Milan alle 15? La decisione è presa e rimarrà tale”

"Mi rendo conto che non sia l'ideale. Credo che si debbano valutare le soluzioni organizzative migliori, con un po' di buonsenso queste situazioni si risolvono" spiega a Sky il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, con delega allo sport

999
Giorgetti
Giancarlo Giorgetti
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“Il fatto è che le partite a rischio devono essere giocate alla luce del sole, il problema è che si gioca lunedì, per motivazioni di calendario internazionale”. Giancarlo Giorgetti, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo sport, spiega a Sky Sport che non ci saranno ripensamenti per l’orario di Genoa-Milan, fissato alle 15 di lunedì prossimo. “È evidente che giocare di pomeriggio in un giorno lavorativo non sia il massimo. La decisione è presa e rimarrà tale, mi rendo conto che non sia l’ideale. Credo che si debbano valutare le soluzioni organizzative migliori, con un po’ di buonsenso queste situazioni si risolvono”.

Giorgetti conclude sul principio della responsabilità oggettiva. “Credo che sia difficile che questo principio esca dal diritto dello sport. Il tema del contrasto da parte delle società ai fenomeni di ultras violenti penso si sia già concretizzato nel fatto che questi scontri non avvengono negli stadi, ma al di fuori. La partita è il pretesto per incontrarsi e scazzottarsi. L’impegno delle società, con la collaborazione delle forze dell’ordine, deve essere quello di isolare questi violenti e evitare che ci sia proselitismo nelle curve”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.