Giacomo Camplone, un nuovo nome arbitrale alla ribalta della Serie A

Prima designazione in massima serie per l'arbitro appartenente alla sezione Aia di Pescara che con lui festeggia il primo tesserato designato in Serie A. Al Var due arbitri imperiesi

1124
Camplone
A sinistra, l'arbitro Giacomo Camplone riceve un premio (foto di aia-figc.it)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Un esordio nel corso di Genoa-Udinese in scena sabato sera: si tratta di Giacomo Camplone, arbitro della Sezione Aia di Pescara designato per la prima volta in una gara che vede impegnati i rossoblù. L’arbitro designato, classe 1989, festeggia al “Luigi Ferraris” la sua prima designazione in Serie A ma con lui festeggia anche la sua sezione di appartenenza. La sezione arbitrale pescarese, infatti, in 83 anni di esistenza non ha mai visto un proprio “fischietto” dirigere un incontro calcistico di massima serie; solo alcuni assistenti – o guardialinee – erano riusciti ad accedere sui prati dei campi di Serie A. Arbitro dal 2005, Giacomo Camplone dall’anno successivo è negli organici regionali, per poi approdare nel 2019 alla Can di Serie B dopo la trafila nei campionati intermedi.

L’esordiente Giacomo Camplone sarà affiancato dagli assistenti Salvatore Longo (Sezione Aia di Paola, Cosenza) e, anche lui esordiente con il Grifone, Filippo Bercigli (Firenze). Ad un arbitro di esperienza è stata affidato l’incarico di quarto ufficiale di Gara: Gianluca Mangianiello (Pinerolo, Torino) sovrintenderà i cambi e controllerà l’aspetto disciplinare dei presenti a bordo campo e panchine.

Tutta della Liguria di ponente l’assistenza arbitrale a distanza: la designante ha incaricato l’arbitro Davide Massa e l’assistente Stefano Alassio, entrambi della sezione di Imperia, quali Var e aVar. Davide Massa con il ruolo di Var vanta due precedenti col Genoa, entrambi persi ed entrambi andati in scena a Genova. Nel secondo dei due precedenti, Genoa-Lazio 2-3 del 23 febbraio dello scorso anno, un rigore fu assegnato ai rossoblù grazie all’intervento del Var (Fabio Maresca arbitro in campo), poi trasformato da Mimmo Criscito.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.