Genoa vittorioso al Dall’Ara da due stagioni

In totale sono 9 i successi del Grifone nei 55 precedenti nella massima serie

411
Zappacosta Tomiyasu Genoa
Tomiyasu strattona Zappacosta (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Quello di questa sera sarà il 56° confronto tra Genoa e Bologna in terra emiliana nella massima serie. Nei 55 precedenti il bilancio è di 27 vittorie del Bologna, 19 pareggi e 9 vittorie del Genoa con 99 gol bolognesi e 63 genovesi. Se si contano i precedenti da quando esiste il girone unico (stagione 1929/30) il bilancio è di 24 vittorie del Bologna, 18 pareggi e 6 vittorie del Genoa con 89 gol del Bologna e 52 del Genoa. Il bilancio dei 7 confronti ante girone unico è di 3 vittorie del Genoa di cui 1 a tavolino per intemperanze del pubblico, 1 pareggio e 3 vittorie del Bologna con 10 gol felsinei Bologna e 11 dei genovesi. Si sono disputati anche 6 incontri in serie B con 3 vittorie del Bologna, 2 pareggi e 1 vittoria del Genoa nel 1984 con 9 gol del Bologna e 4 del Genoa e 2 in Coppa Italia (una vittoria per parte – 5-2 per il Grifone nel 1943 – per un totale reti 6-4 per il Genoa).

Quello tra le due compagini rossoblù è un confronto che si può definire senza dubbio storico dato che hanno vinto in totale ben 16 scudetti (9-7 per il Genoa) e 3 Coppa Italia (2-1 per il Bologna). Le sfide dirette ebbero inizio nel 1921. Il Genoa (2°) e il Bologna (1°) superarono i propri gironi regionali e vennero inserite entrambe nel girone A Nazionale. Il 14 aprile il Genoa ospitò i felsinei che si imposero 2-1 mentre il successivo 5 giugno nel vecchio stadio “Sterlino” di Bologna la sfida terminò in parità (1-1, con reti del bolognese Alberti e pareggio genoano di Angelo “Balletta” Della Casa). Bologna primo, Genoa secondo ed emiliani qualificati per le semifinali e successivamente sconfitti in finale dalla Pro Vercelli.

Da due stagioni il Genoa coglie i 3 punti allo stadio Dall’Ara. Nello scorso campionato il match è andato in scena il 12 maggio (36a giornata): a tre giornate dal termine il Genoa ha 36 punti, il Bologna 40 mentre la terzultima piazza è occupata dal Benevento a 31. I felsinei quindi sono già salvi mentre il Grifone cerca gli ultimi punti per certificare la permanenza nella massima serie. Ballardini schiera una formazione equilibrata e l’unomi più in forma del momento, Zappacosta, al 13′ sblocca il match con un tiro da fuori. Il Bologna prova reagire ma con scarsi risultati. Il Genoa chiude la partita al 62′ con Scamacca che dal dischetto trasforma un rigore concesso per un tocco di mano di Danilo. 2-0 e salvezza del Genoa con due giornate di anticipo.

Vittoria è stata anche il 15 febbraio 2020 (24a giornata). Il Genoa di Nicola, reduce dal successo col Cagliari, è sempre in zona rossa ma gioca la partita perfetta al Dall’Ara contro la lanciata squadra di Mihajlovic. Il Grifone si impone per 3-0 grazie alle reti del difensore Soumaoro (poi passato al Bologna) pronto in area ad una deviazione vincente al 28′, al gol in azione solitaria di Sanabria al 44′ e al rigore di Criscito al 90′ per netto fallo di Denswil a Sturaro.

In parità è terminata la sfida dell’anno prima 10 febbraio 2019 (23a giornata). Bologna avanti al 16′ con Destro (ora al Genoa) abile a punire di testa un’uscita fuori tempo di Radu e pareggio di Lerager al 33′ bravo a mettere in rete di testa un calcio d’angolo.

Il primo successo genoano della storia risale al 18 febbraio 1923 sempre allo “Sterlino”: 2-1 il risultato con vantaggio bolognese di Schiavo e poi doppietta di Celeste “Enrico” Sardi per il Grifone futuro campione d’Italia. Merita menzione anche la vittoria a tavolino per 2-0 del Genoa nella finale di ritorno di Lega Nord del 22 giugno 1924 dopo l’1-0 dell’andata (la partita venne sospesa all’84’ per incidenti sugli spalti sul risultato di 1-1, 36′ Santamaria per il Genoa, pareggio di Pozzi su rigore al 57’).

Ovviamente, parlando delle sfide tra le due formazioni, non si può omettere la famosa serie di cinque finali Lega Nord del 1925 conclusasi con una partita disputata a Milano a porte chiuse dopo che i precedenti quattro incontri si chiusero con una vittoria per parte in trasferta (quella genoana del 24 maggio per 2-1 con reti di Alberti al 57’, Catto all’86’ e Schiavio per i felsinei all’ultimo minuto) e due pareggi. La decisione di giocare senza spettatori fu presa dopo la sospensione della serie voluta dalla Figc a causa dei numerosi incidenti tra giocatori, dirigenti e tifosi nella quarta sfida di finale. In quell’occasione, la partita fu disputata a Torino in uno stadio praticamente militarizzato: ci furono infatti scontri tra le due tifoserie alla stazione di Porta Nuova con addirittura due supporter genoani feriti da colpi di pistola. Il Bologna, avvisato tempestivamente della data e dell’ora della sfida conclusiva dal gerarca fascista e vicepresidente della Figc nonché tifoso felsineo Leandro Arpinati (si giocò infatti il 9 agosto alle 7 del mattino a più di un mese di distanza dalla partita precedente!), arrivò atleticamente più preparato dei genoani e si impose per 2-0 grazie alle reti di Pozzi al 28’ Pozzi e di Bernardo Perin all’ 89’, che, con l’ex portiere del Genoa, ha in comune solamente il cognome ma non parentele.

Tre anni fa (24 febbraio 2018, 26a giornata) vittoria bolognese per 2-0. Dopo un primo tempo noioso terminato a reti bianche, il Bologna passa al 49′ con il solito Destro (abile e fortunato a sfruttare un rimpallo favorevole nell’area piccola), Lazovic fallisce il pareggio e Falletti al 72′ sigla il definitivo 2-0 (Spolli da ultimo uomo si fa rubare palla a centrocampo ancora da Destro che innesca il compagno nel più classico contropiede).

La terzultima vittoria del Grifone risale al 2 ottobre 2016, 7a giornata. Il Genoa di Juric veleggia nelle zone alte della classifica ed espugna il Dall’Ara grazie ad un gol del “Cholito” Simeone al 76’. Partita nervosa caratterizzata da ben 4 espulsi: Gastaldello e l’ex Dzemaili tra le fila felsinee e Gentiletti e lo stesso allenatore Juric tra quelle genoane. Quella vittoria fu l’ultima in trasferta della gestione dell’allenatore croato: il successo di Empoli del 5 marzo 2017 fu, infatti, l’unico acuto da 3 punti della gestione Mandorlini.

Il Bologna si aggiudicò invece il match del 24 aprile 2016, 35a giornata. Una vittoria che consentì agli emiliani di ottenere la matematica salvezza contro un Genoa praticamente già in vacanza in virtù di una classifica di assoluta tranquillità. Dopo un paio di occasioni i bolognesi colpirono all’11’ con Giaccherini abile a bucare la difesa e a trafiggere Perin. La palla buona per il pareggio capitò a Pavoletti ma il centravanti sparò addosso a Mirante in uscita. Nella ripresa l’ex Floccari al 18’ siglò il definitivo 2-0 su carambola dopo un maldestro rinvio di Ansaldi. Il solo Izzo provò a riaprire la partita ma Mirante compì una parata spettacolare. Il Genoa, però, ebbe modo di riscattarsi sette giorni dopo umiliando la Samp nel derby.

Sconfitta è stata anche il 22 dicembre 2013. Un Genoa inguardabile – una delle più sciape partite con in panchina Gasperini – viene superato per 1-0 (gol di Diamanti al 57’) da un Bologna in piena crisi e contestazione che poi alla fine del torneo sarebbe retrocesso.

Al Dall’Ara nell’era Preziosi il bilancio è il seguente: 3 pareggi (l’1-1 del 2019 di cui abbiamo detto, lo 0-0 del 19 maggio 2013 all’ultima giornata e l’1-1 del 20 marzo 2011 con Ballardini in panchina grazie alle reti di Di Vaio al 28’ per i padroni di casa e Dainelli al 43’), 5 sconfitte (0-2 nel 2016 e 0-1 nel 2013 come detto; 2-3 il 29 aprile 2012 a segno Portanova, Ramirez e Garics per i felsinei, Palacio e Jorquera per il Genoa; 0-2 il 26 aprile 2009 con reti di Di Vaio e Terzi nel primo tempo; 1-3 in B il 24 novembre 2006 gol di Bellucci, Torrisi da centrocampo a beffare il portiere Barasso, Marazzina per il Bologna e Adailton nel finale per il Grifone) e 4 vittorie. Detto di quelle del 2016, del 2020 e dello scorso maggio, l’altra risale al 4 ottobre 2009. Il Grifone, guidato da Gasperini, si impose 3-1 grazie alle reti di Kharja su rigore all’11’, Sculli al 35’ e Zapater al 90’, rovinando la festa per il centenario del Bologna (a segno con l’ex Marco Di Vaio all’85’).

Le altre due vittorie in serie A al Dall’Ara risalgono al 10 marzo 1991 (3-0 per la “banda di Bagnoli” grazie alla tripletta di Pato Aguilera (CLICCA QUI PER VEDERE LE IMMAGINI) e addirittura al 25 maggio 1930 (1-0 con gol di Banchero dopo appena 6 minuti di gioco).
Infine, l’unica affermazione genoana in serie B è quella del 2 dicembre 1984 (2-1, 15’ Auteri, pareggio bolognese al 39’ di Marocchi e gol vincente di Chiappino al 69’).

Francesco Patrone

RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO CONSENTITA SOLO PER ESTRATTO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.