Il Genoa è tornato squadra, o forse lo è sempre stato…

C'è ancora un pò di confusione a centrocampo perché senza un vero metodista Ballardini deve provare tutti gli uomini. Mazzitelli ha convinto con la sua esuberanza fisica

1865
Genoa
Il Genoa in gol (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Genoa è tornato squadra. Forse lo è sempre stato tranne nella mezz’ora sciagurata di Reggio Emilia. La figuraccia di Sassuolo è servita da monito ai ragazzi di Ballardini, che hanno incassato le critiche (quelle sane e non aprioristiche) e reagito nel modo migliore. Con una vittoria sudata assieme. Dicono che i punti portino entusiasmo e rinfranchino lo spirito: ben venga, allora, il successo sul Bologna. 1-0, l’ennesimo dell’era del tecnico di Ravenna; l’ennesimo gol di Piatek, l’ottavo in quattro gare ufficiali.

Come sempre la partita del Genoa è ricca di scorci tattici. A cominciare dal centrocampo, reparto composto e riletto da Ballardini almeno tre volte in una partita. C’è ancora un pò di confusione, è normale, perché senza un vero metodista l’allenatore deve provare tutti gli uomini. Mazzitelli ha convinto con la sua esuberanza fisica, tra l’altro pare che il ragazzone romano possa ancora migliorare; Romulo ha toccato settanta volte la palla ma ha giocato meglio sulla fascia. Bessa, invece, non si è visto nei primi venti minuti, impegnato a schermare Pulgar, poi è cresciuto con il tempo: la sensazione è che renda al meglio da mezz’ala. Hiljemark come al solito affidabile senza palla.

Il Genoa ha rischiato grosso dopo il 70′ quando Inzaghi ha ridisegnato il Bologna con un 4-4-2. Mattias Svanberg, figlio di un hockeista, ha sfiorato il pareggio calciando una seconda palla (di chi era?) sulla schiena di Dijcks, a otto metri da Marchetti. Successivamente il tiro di Orsolini, un’altra seconda palla, sparato fuori. Due brividi che non sono piaciuti a Ballardini, compresa la baruffa finale nata da una futile provocazione di Romulo. Nonostante questo i rossoblù hanno meritato la vittoria avendo giocato di più e meglio del Bologna. Si è rivisto un Grifone corto e pragmatico, concentrato e pronto al sacrificio. Il Genoa è tornato squadra. Forse lo è sempre stato tranne nella mezz’ora sciagurata di Reggio Emilia.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.