Genoa, la testa (sgombra) fa andare le gambe

Il black out non è un vizio una tantum per il Grifo. Anzi, è accaduto con impressionante regolarità a partire da Reggio Emilia, la gara che sta condizionando la stagione

938
Piatek Genoa
Piatek (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

E’ la testa che fa andare le gambe. Una delle poche regole scritte dello sport presume che il professionista ottimizzi le proprie prestazioni con la testa leggera. I grandi campioni ci riescono quasi in automatico, basti vedere il numero di partite che gioca un cestista di NBA o un tennista, e in breve tempo; i giocatori normali, invece, hanno bisogno di staccare e riprendere. In sostanza c’è chi si esalta nella continuità di pressione, chi va in crisi. Così è successo al Genoa contro l’Inter, a sentire Juric: un black out collettivo. Sperando che non sia l’ennesima attenuante generica dopo un ko.

Il corto circuito, però, non è un vizio una tantum per il Grifo. Anzi, è accaduto con impressionante regolarità nel primo terzo di stagione rossoblù: due volte nelle prime sei di campionato, due volte nelle ultime cinque. Il Genoa non è ancora riuscito a tenere alta la concentrazione per un mese di fila, in pratica il frangente di tempo tra una sosta e l’altra. Uno scatto in avanti, due indietro: più che il passo del Grifone è il passo del gambero che non riesce a spegnere il volume del mugugno di piazza.

Questa squadra ha un deficit di carattere nei momenti di difficoltà. Il Genoa non sa ribattere a un gol subito e se ci prova finisce per prenderne un secondo o un terzo. Sabato quasi tutti i gol dell’Inter sono nati da gravi errori tattici dei rossoblù: il 3-0 di Gagliardini persino da rimessa laterale (proprio come accaduto a Reggio Emilia, la gara che sta condizionando la stagione). Per non parlare dei gol che hanno fatto fare un figurone a Joao Mario e Nainggolan. Inutile dire che il Napoli domenica può enfatizzare la lacune difensive del Genoa se gli uomini di Juric non inizieranno a giocare con la testa sgombra.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.