Genoa, la Sardegna non è l’isola del tesoro: due vittorie in dieci anni

Dal 2009-2010 solo Ballardini e Juric hanno espugnato il fortino cagliaritano

588
Radu Cagliari Genoa
Intervento miracoloso di Radu contro il Cagliari (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

La Sardegna non è l’isola del tesoro per il Genoa. Negli ultimi dieci anni il Grifone ha vinto solo due volte a Cagliari. Capitò nell’ottobre 2010, con Ballardini in panchina e gol risolutivo di Andrea Ranocchia a sette minuti dal termine. Ricapitò nel 2017, con Juric, in una delle sue tante partite vissute sulla graticola: 2-3 per il Grifone. Tre punti che bullonarono la panchina del croato solo per una dozzina di giorni, prima del secondo esonero dopo il derby. L’isola è, semmai, un luogo nefasto per il club più antico d’Italia che nel medesimo lasso di tempo ha rastrellato solo un 1-1 (nel 2014, per di più grazie all’autorete del cagliaritano Rossettini).

Due vittorie e un pareggio in dieci anni, che netti sono nove tenuto conto della retrocessione in Serie B del Cagliari nel 2015. Una media bassa per il Genoa che in cinque delle relative nove stagioni in A ha ottenuto un piazzamento in classifica migliore dei sardi. Aurelio Andreazzoli, tecnico che legge e pesa le statistiche, dovrà tener conto del fattore campo e della tradizione favorevole ai padroni di casa. Di contro, però, giocare di venerdì sera con un turno di mercoledì non è fantastico sotto più punti di vista: ed ecco che le rotazioni possono essere qualcosa di più di un’idea.

Cagliari-Genoa aprirà per ambo le squadre un mini ciclo di tre partite in dieci giorni. Più difficile l’infrasettimanale degli uomini di Maran (a Napoli), più tosta la trasferta del Grifone alla sesta giornata (Lazio). Gli allenatori non faranno dei calcoli ma dei ragionamenti per fare in modo che le prime fatiche stagionali impattano il meno possibile sulla rosa. A livello d’infortuni e di squalifiche. La sfida di domani sera si preannuncia equilibrata, per non dire tirata come il match con l’Atalanta. Andreazzoli auspica che il risultato finale sia diverso perché da molti anni la Sardegna non è l’isola del tesoro del Genoa.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.