Genoa pirandelliano: il Ferraris ha fischiato

L'unica giocata estemporanea l'ha tentata Prandelli inserendo Dalmonte, attaccante con ventinove minuti in Serie A

3270
Prandelli Genoa
Prandelli (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Ieri il Genoa ha ricordato il Belluca, protagonista della novella “Il treno ha fischiato” di Pirandello. Soprattutto nell’epilogo, il meno quotato dopo l’espulsione di Cassata al trentaquattresimo minuto, quando il Ferraris – anziché il treno – si è messo a fischiare. Il che ha sorpreso perché il Grifone è pur sempre dodicesimo, vicinissimo alla parte sinistra. I fischi, però, devono risvegliare i rossoblù che si sono addormentati contro le ultime due squadre del campionato: 0-0 contro Chievo e Frosinone. Il Genoa si è creato dei problemi da solo disegnando curve a gomito nell’ultimo rettilineo del proprio calendario.

Il fischio del treno svegliava il Belluca, schiacciato nella morsa di una routine oppressiva e alienante tra lavoro e famiglia. Il grido di una locomotiva che il protagonista mai aveva considerato lo catapultava in una realtà evasiva, ai confini con la follia, che i colleghi e i famigliari non tollerano o capiscono. Così l’ambizione del Genoa riflette la categoria lavorativa del Belluca: un’indistinto impiegato, uno dei tanti. Il grigio pareggio con il Frosinone fa scattare il conto alla rovescia verso la salvezza aritmetica (meno dieci), e nulla di più. E’ normale, allora, che il pubblico fischi, come il treno dello scrittore siciliano.

Il Genoa ha provato a vincere la partita ma l’ora di gioco dopo l’espulsione è stata monocorde, con gli unici sussulti in occasione della volée di Lazovic e sul piattone di Lerager. Fraseggio lento e prevedibile, scarsa cattiveria in area di rigore al momento del cross o della conclusione e poche idee brillanti. L’unica giocata estemporanea l’ha tentata Prandelli inserendo Nicola Dalmonte, attaccante che prima di scendere in campo aveva disputato ventinove minuti in Serie A in carriera. Troppo poco, anche se l’ex Cesena ha rischiato il colpo al novantesimo. Prima dei fischi che si spera sveglino il Genoa come il Belluca nella novella pirandelliana.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.