Genoa, personalità e gol: tutte le indicazioni della gara con il Lione

Criscito rigorista, difesa a tre imprescindibile anche con Andreazzoli

3359
Criscito Genoa
Criscito, Romulo e Kouamé (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Le indicazioni di un’amichevole sono elementi di prova i quali, se precisi e concordanti, forniranno certezze nell’avvenire. Il Genoa ha battuto il Lione: soddisfazione a parte, il risultato è ciò cui Andreazzoli bada meno per non esaltare o deprimere lo spogliatoio. Il Grifone, tuttalpiù, ha ribaltato a proprio favore un 3-1 contro una squadra che disputerà la Champions League. E questo è indice di personalità e spirito giusto, ciò che è mancato ai rossoblù tra aprile e maggio. Il Lione ha sonnecchiato durante l’ultima mezz’ora, vero, ma il demerito dei francesi è compensato dal merito del Genoa, cinico e concreto in area.

Le lodi sperticate non piacciono ad Andreazzoli, soprattutto a luglio. Il coro laeti triumphantes rischia di danneggiare una squadra ancora in costruzione e con delle lacune da correggere.

Una su tutte, e ormai datata: le palle inattive. Il Genoa le soffriva e le ha sofferte a Gueugnon, come conferma il gol dell’ex romanista Yanga-Mbiwa (un pò di petto, un pò di braccia). Le marcature, poi, non sono state irreprensibili, soprattutto quelle dei francesi che si sono scordati di “prendere” Ghiglione e Hiljemark in occasione del 3-2 e 3-3. Idem per El Yamiq che ha lasciato a Fofana la libertà di rientrare sul piede forte – il destro – e battere Marchetti con un’esecuzione perfetta. Sono dettagli che Andreazzoli curerà a partire da mercoledì, quando il Genoa volerà nuovamente in Francia, stavolta sull’Atlantico, per il secondo ritiro estivo.

La gara con il Lione ha confermato due ulteriori punti. Il primo: Mimmo Criscito è il rigorista del Grifo nonostante in campo fossero presenti Pandev, Pinamonti e Kouamé. In secondo luogo il Genoa non può prescindere dalla difesa a tre: gli esperimenti sono utili per trarre valutazioni ma entro la gara di Coppa Italia (18 agosto) i rossoblù devono aver trovato un undici fisiognomico. Per il momento le indicazioni di un’amichevole sono solo elementi di prova.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.