Genoa-Parma, uno snodo rossoblù in vista del trittico infernale

Dopo la sosta arriverà l'inverno: Juventus, Milan e Inter - tutte in trasferta - in tredici giorni, la parte più gelida del calendario. Quindi punti e morale

2220
Pandev Ballardini Genoa
Il cinque tra Pandev e Ballardini (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Squadra che vince non si cambia. E allora avanti con gli stessi undici che hanno conquistato i primi (tre) punti in trasferta. Ballardini, ormai è noto, preferisce non stravolgere la formazione che ha fatto bene la settimana prima. Il tecnico di Ravenna ha trovato lo schieramento di riferimento che inizia da Radu, indiscusso titolare tra i pali, e finisce a Piatek. In mezzo altri nove giocatori di spessore e bravi con la palla al piede: sì, questo Genoa è più forte dell’anno scorso. E non lo dice solo la classifica.

Un anno fa i punti erano sei in dodici partite. Nemmeno un anno dopo i poli si sono invertiti: dodici punti in sei gare. In media due a partita, andazzo da nobiltà del calcio. Ma è presto per volare o per pensare a qualcosa di più grande di una tranquilla salvezza. Il Genoa merita fiducia ed entusiasmo ma anche un pò di pragmatismo che conferisce equilibrio come fa il pizzico di sale nell’impasto dei dolci.

Avanti con gli stessi, una promozione meritata dopo la prestazione di Frosinone. Il Grifone è consapevole che contro il Parma deve arraffare i tre punti perché dopo la sosta arriverà l’inverno: Juventus, Milan e Inter – tutte in trasferta – in tredici giorni. La parte più gelida del calendario. Quindi punti e morale, morale e punti sono gli ingredienti mica tanto segreti per arrivare bene al trittico infernale. Per questo Genoa-Parma è un piccolo snodo della stagione rossoblù, un match da giocare senza l’affanno di una vittoria a tutti i costi. Leggerezza, carattere e consapevolezza dei propri mezzi in novanta(cinque) minuti: parole che escono con facilità dalla tastiera di chi sta comodo, seduto, ma che devono distinguere il Grifo domani. Ballardini manderà in campo quasi la stessa formazione, la massimo un cambio sulla fascia. Squadra che vince non si cambia.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.