Il Genoa non sa più vincere il derby

L'ultima vittoria risale al 2016: quel trionfo rossoblù invertì il percorso dei club

1594
Genoa Kouamé
Kouamè in un controllo aereo (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Genoa non sa più vincere il derby. L’ultima vittoria risale all’8 maggio 2016 ed è sintomatico come quel trionfo rossoblù abbia invertito il percorso dei club. Il Grifo ha iniziato a perdere, gli avversari a vincere. E’ come se quello 0-3 firmato Suso e Pavoletti avesse eroso ogni forma di credito (e di sorte) del Genoa nei confronti della stracittadina genovese. Dal 2016, appunto, solo dolori e una storia a senso unico. E’ del tutto normale l’impazienza della piazza rossoblù verso una salvezza che fino a un mese fa era solo da ratificare e che oggi appare un grosso interrogativo.

Già, ma oltre a scongiurare la retrocessione, che cos’è questo Genoa se non un disperato tentativo di distruggere ciò che si è da poco costruito? E’ dal 2016 che gira così, e gira male per il club di calcio più antico d’Italia. Perché esonerare Ballardini all’ottavo posto? Perché vendere Piatek badando solo al plusvalore economico senza pensare alle ripercussioni sulla squadra? Segnava solo il Pistolero nel girone d’andata: nelle ultime otto partite (tre gol) ha segnato un solo attaccante, Pandev alla Juventus. Il migliore nel derby, a conferma del disperato bisogno della qualità del professore macedone.

Un Genoa povero, mìscio tecnicamente, con poche idee tattiche e, peraltro, confuse. Nel primo tempo due non prime punte a guidare l’attacco, nella ripresa due n.9 duri e puri ad affollare inutilmente l’area di rigore. Poi una serie monotona di lanci profondi verso Kouamé nella speranza di un suo guizzo, di un suo sprint. Niente di più. Niente di più del tiro dell’ivoriano che in apertura poteva schiudere tutt’altra partita. Che, invece, termina esattamente come le altre tre degli ultimi tre anni. Da quel 2016, da quel derby dominato con il gioco e con i giocatori. Da lì tutto è cambiato, compresa la supremazia cittadina nei centottantaminuti più balordi della stagione. Il Genoa non sa più vincere il derby.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.