Genoa-Napoli, le pagelle: Badelj e Pandev professori, Perin un muro

Il macedone infila una doppietta, Portanova subentra con leggerezza

6006
Pandev Zajc Genoa
Pandev e Zajc nel riscaldamento (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Pubblichiamo di seguto le pagelle di Pianetagenoa1893.net ai protagonisti di Genoa-Napoli, seconda giornata di ritorno terminata 2-1. Un’altra vittoria per il Grifone che sale a ventiquattro punti in classifica.

Genoa 8 – Non ci sono più parole: la resurrezione è definitiva. La gioia a fine partita è la misura di questo gruppo

Perin 8 – Compie almeno otto interventi, alcuni dei quali strepitosi, come la parata su Demme. Torna a subire gol dopo 468′

Goldaniga 7 – Gioca con coraggio su Zielinski, difensore stasera tripallico, per dirla alla Scoglio

Radovanovic 7 – Le prende tutte di testa. La contraerea del Genoa funziona

Criscito 7 – Altra partita di spessore del capitano, con molte giocate sagaci: soprattutto negli ultimi minuti di gioco

Zappacosta 7 – Cresce esponenzialmente nel secondo tempo dopo una prima frazione di gara un po’ pasticciata su Rui e Lozano

Strootman 7 – La solita partita di sostanza e presenza nelle zone nevralgiche del campo (68′ Behrami 6 – Subentra per dare sostanza alla squadra)

Badelj 8 – Professore in cattedra, alunni in rigoroso silenzio. Che partita!

Zajc 7 – Pressa ogni portatore di palla: gara intensa, un flessore poi fa i capricci (88′ Rovella sv)

Czyborra 7 – Ha una capacità polmonare alla Ruotolo: deve migliorare nella scelta dell’ultima giocata

Destro 7 – Poche opportunità per fare gol, si mette a completa disposizione della squadra: atteggiamento simbolico (78′ Portanova 5 – Tocca con sufficienza il primo pallone da genoano, il disimpegno regala il gol al Napoli)

Pandev 8 – Fermatevi un attimo e ammirate l’aggancio del 2-0: da scuola calcio (68′ Scamacca 5 – Ingresso volenteroso ma senza la condizione atletica giusta sfigura nei ritmi forsennati di Marassi)

Allenatore Ballardini 8 – Ci sono altre parole? No, sarebbero superflue. Il merito di questa rinascita è solo suo

Napoli 5 – Ospina 5; Di Lorenzo 6, Manolas 5 (69′ Rrahmani 6), Maksimovic 5, Mario Rui 5; Elmas 6, Demme 5 (79′ Bakayoko sv), Zielinski 5 (54′ Insigne 6); Politano 7, Petagna 5 (54′ Osimhen 5), Lozano 6 – Allenatore Gattuso 5

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.