Genoa, questa Juventus fa paura: servirà molta fisicità

Il Grifone dovrà tenere il ritmo alto, evitando l'approccio di Parma

1097
Bessa Genoa
Bessa festeggia dopo il gol alla Juve (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Certo, la prestazione del solo Ronaldo e di tutta la Juventus contro l’Atletico Madrid ha fatto paura. Certo, sono favoriti. Certo, gli stati d’animo (e gli interessi) in campo saranno diametralmente opposti. Tutto vero proprio perché Genoa-Juve, alla luce del 3-0 a Simeone, è una gara già scritta. Al Grifone l’ingrato compito di rovinare il copione approfittando del probabile rimbalzo mentale cui può incappare una squadra esperta e attrezzata come quella di Allegri. Le grandi serate di Champions League tolgono molte energie nervose, diceva Arrigo Sacchi: e la Juventus ne ha spese un fiume per cassare il cholismo.

Il Genoa dovrà tenere il ritmo alto, evitando l’approccio di Parma. Al Tardini la squadra di Prandelli ha iniziato con poca personalità, i reparti lunghi e un fraseggio limitato a due o tre palleggi. A quella velocità d’esecuzione era pressoché impossibile fare gol. Nella ripresa è entrato in campo un Genoa profondamente diverso nello spirito e nelle idee. Il giro palla era più fluido e, soprattutto, eseguito con più intraprendenza nella metà campo gialloblù. Il gol di Kucka, del resto, è un autentico regalo coadiuvato da una dormita di gruppo. Contro la Juve il Genoa dovrà difendere anche fisicamente la porta, visto lo strapotere dei bianconeri sulle palle alte.

Ci vorrà la partita perfetta nelle due fasi di gioco, insomma. Ne è consapevole Prandelli, così come Romero, futuro sposo della Signora, e Radovanovic che l’ha incontrata parecchie volte in Serie A. Recentemente il Ferraris è stato un campo ostico per la Juventus: negli ultimi cinque pellegrinaggi a Marassi i bianconeri hanno vinto tre volte e perso due. Un bilancio in quasi parità che stride con la loro dittatura negli Anni ’10 del nuovo millennio. Il Genoa ci proverà con umiltà e rispetto, senza sconfinare nella ritrosia da devoti che talvolta possiede gli avversari della Juventus. Certo, il solo Ronaldo ha fatto paura.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.