Genoa-Empoli non finisce mai. Primavera, rinviato il verdetto salvezza

Il Genoa è obbligato a fare un gol al ritorno. Possibile che si giochi al Castellani

1513
Genoa
Genoa ed Empoli a centrocampo prima del fischio d'inizio (Foto Pianetagenoa1893.net)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Genoa-Empoli non finisce mai. Il doppio confronto tra il Grifone e i toscani tocca pure le rispettive formazioni Primavera e non lascia né vincitori né vinti. 1-1 ad Arenzano, nel primo pomeriggio estivo dell’anno: il verdetto è rimandato di tre giorni, a Monteboro o forse al Castellani addirittura. I ragazzi di Carlo Sabatini ce l’hanno messa tutta ma non è bastato a battere l’Empoli, avversario di pari livello ma con meno pressione psicologica. L’andata dei play-out è andata come da pronostico: bruttina e con le idee attanagliate tra la paura di sbagliare e le forze fisiche al minimo.

Eppure il Genoa è partito meglio rispetto all’Empoli, a tal punto da trovare il vantaggio con Karic che premia il guizzo dalla destra di Schäfer. Da quel momento, il 15′, trentasette minuti di buio, fino al tiro di Cleonise nella ripresa: un black out preoccupante in questo momento della stagione. L’Empoli ha dominato il palleggio con un baricentro alto, e fatto male con il gioco in ampiezza: le mezz’ali rossoblù non erano pronte con le diagonali utili a dare aiuto ai terzini (Piccardo e Adamoli). Così la formazione di Zauli ha pareggiato scaravantando in rete una seconda palla sbucata da una mischia in area genoana. Una disattenzione collettiva pagata a caro prezzo.

Nella ripresa meglio i Grifoncini dell’Empoli ma solo grazie a una giocata estemporanea di Andras Schäfer, trequartista e seconda punta, al 70′ che ha dato una scossa alla partita. Stop, alzata e tiro al volo: traversa. Niente gol, niente 2-1. E niente nei restanti venti giri d’orologio. Tutto rimandato alla gara di ritorno che può durare novanta minuti e più se il Genoa riuscirà a trovare la via del gol. Saranno giorni pesanti per Sabatini che dovrà lavorare solo sulla testa dei rossoblù e portare in salvo la sua squadra. Genoa-Empoli non finisce mai.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.