Genoa, col Brescia la tradizione in casa è favorevole

Sono 18 le vittorie del Grifone (contro 3 delle Rondinelle) in 32 incontri. Ultimo confronto il 3-0 del 2011

678
Eduardo Dos Reis Carvalho in azione con la maglia del Genoa (Valerio Pennicino/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il match che andrà in scena domani sera al Ferraris sarà il numero 33 della storia in campionato tra Genoa e Brescia giocato a Genova. Il bilancio pende nettamente dalla parte del Grifone dato che nei 32 precedenti (16 giocati nella massima serie e 16 in serie B) il Genoa ha conquistato 18 vittorie contro le 3 del Brescia. I pareggi sono stati 11, il Genoa ha realizzato 66 reti, il Brescia 21. Limitatamente agli incontri nella massima serie il bilancio recita 11 vittorie del Genoa, 2 del Brescia e 3 pareggi con 38 gol dei grifoni e 9 delle rondinelle.

L’ultimo confronto giocato a Genova risale al 17 aprile 2011 (33a giornata). Il Genoa di Ballardini naviga in acque tranquille e affronta i lombardi guidati dall’odiato Iachini, invischiati nella zona retrocessione, con la mente libera. Dopo un avvio difficile (il Brescia coglie una traversa con Caracciolo) finisce 3-0 per il Grifone grazie ai gol di Rafinha al 59′, all’autorete di Berardi al 70′, alla rete nel recupero di Antonelli e alle belle parate del discusso portiere Eduardo (nella foto). A fine stagione Brescia retrocesso e mai più in A fino all’attuale stagione (CLICCA QUI PER VEDERE LE IMMAGINI).

Il primo confronto tra le due squadre a Genova è datato 30/10/1921 (5a giornata di I Divisione Lega Nord, girone B): 1-0 per il Genoa con gol all’81’ di Catto.

Il primo confronto nella serie A a girone unico risale invece al 5 gennaio 1930 (12a giornata): ancora 1-0 questa volta firmato da Elvio Banchero all’88’.

Il primo pareggio della storia è stato lo 0-0 del giorno di Natale del 1927 (13a giornata del girone A di Divisione Nazionale).

La prima vittoria ospite risale al 31 maggio 1931 (29a giornata): 2-1 per le rondinelle con reti di Frisoni su rigore al 38′, raddoppio di Reggiani al 64′ e inutile gol rossoblù di Patri al 66′. L’ultima è stata invece l’1-0 del 14 aprile 1979 (28a giornata di serie B) con rete firmata dal futuro genoano (una decina di anni dopo) Podavini al 14′.

Tra le vittorie larghe del Genoa ricordiamo: il doppio 5-0 del 17 febbraio 1924 (16a giornata di I Divisione Lega Nord Girone A con reti Bergamino al 19′, doppietta di Santamaria al 34′ e al 75′, gol di Catto al 44′ e Sardi al 72′) e dell’8 febbraio 1925 (13a giornata di I Divisione Lega Nord Girone A con reti di Catto al 21′ e doppiette di Neri al 27′ e 51′ e Santamaria all’82’ e all’86’); i 4-0 del 20 dicembre 1931 (12a giornata con reti di Mazzoni al 5′, Banchero al 27′, Patri al 60′ e Casanova al’83’), del 22 settembre 1946 (1a giornata con reti di Verdeal al 30′ e al 64′, Dalla Torre al 53′ e Vitali al 77′) e del 15 dicembre 1996 (14a giornata di serie B con doppietta del belga Goossens all’11’ e al 16′, rete di Nappi al 40′ e autorete di Adani al 42′); il 5-2 del 1° febbraio 1976 (18a giornata di serie B con reti per il Genoa di Rossetti all’11’, Rizzo al 34′, Pruzzo al 38′ e al 51′, Bonci all’82’ e per il Brescia di Altobelli al 59′ e Beccalossi al 69′); il 4-1 del 3 ottobre 1926 (1a giornata del girone A di Divisione Nazionale con vantaggio iniziale bresciano di Giuliani al primo minuto e valanga rossoblù con Catto 5′ e 60′, Rosso 48′ e Levratto all’83’).

Infine meritano menzione anche i 3-0 del 22 ottobre 1972 (6a giornata di serie B con rete di Bordon all’8′ e doppietta di Sidio Corradi al 38′ e al 76′) e del 13 marzo 2007 (28a giornata di serie B con reti di Gasparetto al 58′, Greco al 62′ e De Rosa all’87’) nell’anno della cavalcata verso la A di Gasperini ai danni della squadra guidata dall’ex tecnico rossoblù Serse Cosmi.

Francesco Patrone

RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO CONSENTITA SOLO PER ESTRATTO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.