Il romanzo del Genoa Club Davagna, risorto dalle sue ceneri

Nel 2010 il sodalizio di tifosi rossoblù della cittadina dell'entroterra genovese fu colpito da un incendio: ora è rinato con tante nuove iniziative

103
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Oggi per il nostro “Viaggio nei club” Pianetagenoa1893.net, ha intervistato Eugenio Montaldo, cassiere del Genoa Club Davagna, club ricco di storia, che dopo una brutta disavventura è riuscito a rialzare la testa e ad oggi conta 200 soci.

Storia e fondazione del club
Il Genoa Club Davagna nasce a Moranego di Davagna ad opera di Eugenio Montaldo e di alcuni supertifosi di Moranego nell’ estate 1969. Montaldo faceva già parte del Coordinamento club quale rappresentante del club Ottavio Barbieri Borgopila che aveva fondato con alcuni amici della parrocchia di Santa Zita nel 1968. I due club in collaborazione, per tre anni pubblicarono un mensile di notizie rossoblu “Il notiziario rossoblù” grazie agli amici Canesi, Macchiavelli e Vannucci. La prima sede fu presso la pensione “Castello” a Sella. Nell agosto del 1970 aprirono una sede a Sella in via Brocchette 4, e fu un successo, oltre 400 iscritti in due anni. Organizzavano feste nelle frazioni, trasferte e misero su anche una squadra di terza categoria. Nel 1976 aprirono una nuova sede a Paravagna, acquistarono un bosco di 5.000 mq ed uno chalet in legno. In questo spazio negli anni hanno organizzato feste, tornei di summerball di calcetto, di carte e di biliardo. A fargli visita anche ospiti illustri, tra i quali “i Trilli”, Franca Lai, Piero Parodi, Carlo Denei, “I soggetti smarriti”, compagnie dialettali, decine di complessi musicali e compagnie di burattini. Per alcuni anni sono stati proiettati film all’aperto.
Negli anni i 5000 mq sono diventati 8000, la sede si è ingrandita con nuovi impianti e strutture. Purtroppo nel 2010 un incendio, la cui causa resta ancora sconosciuta, ha completamente distrutto i locali bar e cucina. Per ben sei anni sono sopravvissuti grazie alla pista coperta ed agli ampi spazi esterni, ma il danno era enorme. Armati di tanta pazienza, soci e consiglieri si sono rimboccati le maniche. Oggi anche grazie a due contributi regionali e ad un prestito fra i soci la sede è rinata più bella e funzionale della precedente. Quasi 200 mq oltre alla pista coperta, dotati di bar, biliardo e ampia cucina. Le feste organizzate gli hanno permesso assieme alle raccolte fra i soci e al tesseramento di arrivare al risultato prefissato e anche quest’ anno hanno avuto buon successo.
L’ attività principale del Club consiste nel collaborare per abbonamenti e biglietti stadio per le trasferte e le numerose feste sociali.

Iniziative ed eventi
Da ben 33 anni organizzano la marcia alpina in salita di otto km prima col gruppo Alpini del “De Sossi” e da alcuni anni coi Maratoneti dell’Ingegnere Vassallo. Per oltre dieci hanno avuto una squadra di calcio di terza categoria. Ogni anno stampano il nuovo notiziario rossoblu con le notizie sul club ed il loro pensiero sul Genoa.
Sabato 3 settembre p.v. hanno organizzato una serata di cabaret con Daniele Raco.
A breve ci sarà l’ inaugurazione con la presenza dei giocatori del Genoa.

Eugenio Montaldo

Juric e Gasperini
Abbiamo sofferto la partenza di Gasperini ma abbiamo fiducia in Juric e con qualche riserva in Preziosi”.

Aspettative per la nuova stagione
“Speriamo soprattutto che i nostri gioielli non siano venduti, uno su tutti Rincon, uomo squadra. Per il resto “SEMPRE FORZA GENOA”.

Gli scudetti del 1915 e quello del 1925
“Lo scudetto del 1915 sia pure diviso ma quello del 1925 deve, e ripeto deve, esserci assegnato almeno alla pari con il Bologna. Ho conosciuto De Pra e l’ ho visto piangere parlando di quel furto! E poi sarebbe la stella!”.

Prima partita ufficiale del Genoa contro il Lecce in Coppa Italia
“Per essere agosto ho visto buon gioco, ma troppe incertezze in difesa dove secondo me manca qualcosa”.

Luana Ambrico

RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO CONSENTITA SOLO PER ESTRATTO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET

Scheda Genoa Club Davagna

Sede: via Pravagna 52 Davagna (GE)

Presidente: Giorgio Testino

Vice Presidente: Bruno Costa

Cassiere: Eugenio Montaldo

Segreterie: Simonetta Maggiolo

Economi bar: Pino Mondello

Economi sede: Fabio Carbone

Presidente soci benemeriti: Giulio Rimassa

Addetti ACG: Marco Delucchi

Consiglieri: Cristian Farsagliese, Daniela Delcett, Ivo Vallebona, Chiara Vallebona, Renato Nobile, Paolino Rimessa, Mauro Ferrarini, Nella Braconi, Valerio Perdita e Sara Raciti.

 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.