Il Genoa pesca dalla Campania: sognando Criscito, Mandragora e Izzo

Grifone scatenato: dalle scuole calcio della Campania arrivano cinque giocatori a rinforzare le varie file del settore giovanile rossoblù

1491
Ponsacco Genoa Academy
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il settore giovanile del Genoa è sempre più campano. Michele Sbravati e il suo staff si sono mossi anzitempo per acquisire una serie di giovani prospetti provenienti dal calcio della Campania. Un mix di spogliatoio che non altera il forte connotato ligure-genovese delle giovanili rossoblù. Sbravati, bravissimo a pescare talenti a chilometro zero, si sta specializzando anche oltre i confini della nostra Regione.

É ufficiale l’acquisto di Umberto De Luca (terzino sinistro leva 2004) e Matteo Abbate (attaccante): entrambi provengono dalla scuola calcio San Sebastiano Mazzeo presieduta da Natalino Mazzeo. Su di loro si erano mossi anche Carpi e Napoli. Come spiega il sito giovanilinazionali.it la doppia trattativa si è conclusa grazie alla collaborazione degli agenti Andrea Tammaro e Davide Pintodi, di Michele Ruta in qualità di Responsabile Scouting del Sud Italia per il Genoa, e del segretario rossoblù Santo Bignone.

Ma il Genoa non si ferma qua e mette sotto contratto anche Marco Mauri dal Pianeta Napoli City, scuola calcio di Chiaiano. Si tratta di un attaccante leva 2004 che l’anno prossimo giocherà nell’Under 15 rossoblù.

Tu ti alzi con la voce di tua mamma io invece con la sveglia del cellulare, tu dormi da solo o con tuoi fratelli nella tua camera io invece ho dovuto farmi fratelli dei ragazzi nuovi, tu esci e torni a casa tua tutti i giorni io invece ci torno ogni 2 mesi. Tu conti i giorni per andare al weekend io invece i mesi per arrivare a dicembre o giugno, a te tua mamma ti dà un bacio tutti i giorni invece io la sento 10 minuti al giorno. Tua mamma ti cucina come lei sa invece io devo seguire una dieta fatta dal dottore, a te tuo padre ti dà consigli, si incazza e ti dice quello che devi fare invece io lo vedo 1 volta ogni 2 mesi, a te ti chiedono di studiare a me invece di studiare, di allenarmi,di andare in palestra e di andare a letto presto e di non uscire. Quando tu stai male i tuoi genitori ti aiutano invece a me i miei amici vengono in camera, chiudono la porta e parlano con me per farmi stare meglio, però sai? Non riesco a immaginarmi un' altra vita perché ho scelto di fare il calciatore..CFC GENOA🔴🔵⚽️

A post shared by Io Non Mollo⚽️♥️ (@marco_mauri9) on

Il Genoa, però, cala il pokerissimo campano con Vincenzo e Giovanni Sequino. I due fratelli arrivano dalla scuola calcio partenopea Blue Devils del presidente Luigi Santoro che ha sede a Marano di Napoli. Giovanni Sequino è un difensore centrale nato nel 2004 mentre Vincenzo Sequino è un leva 2006. Cinque campani per il Grifone: il mercato giovanile ribadisce ancora una volta lo stretto legame tra le due città di mare.

Sono fiero di comunicare che i fratelli Sequino saranno dalla stagione 2018/2019 nuovi tesserati del GENOA CF. Ringrazio lo STAFF del club ligure per aver creduto fortemente nelle qualità di Vincenzo e Giovanni e soprattutto di aver preceduto altre richieste provenienti da club seri e blasonati. Ringrazio il coach Leo per la segnalazione e per la relazione, ringrazio Michele Ruta per la forte lealtà e collaborazione, infine ringrazio il Dottor Sbravati per la lungimiranza e la competenza professionale nell' individuare nei nostri atleti un futuro glorioso e speranzoso. Infine scrivo che sono fiero del mio staff perché mi supporta al 100% ed è determinante in questo percorso di crescita di ogni singolo atleta. #GENOACF #BlueDevilsQuality

A post shared by BLUE DEVILS QUALITY (@bluedevilsquality) on

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.