Gazzetta dello Sport, avanti con Juric fino al derby

Il 25 novembre 2018 come il 4 novembre 2017, ultima chance

2038
Juric
Ivan Juric (Foto Genoa cfc Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Le scorie di Genoa-Napoli, annacquate dalla pioggia battente sul Luigi Ferraris e rese amare dalla sfortunata autorete di Davide Biraschi, avranno ripercussioni sicuramente fino alle 20:30 di domenica 25 novembre, giorno di stracittadina che avrà l’ultima parola sul futuro di Ivan Juric. La posizione del tecnico croato rimane delicata, in bilico, mentre il presidente Preziosi starebbe valutando – secondo quanto trapelato stamani sulle colonne de La Gazzetta dello Sport – l’ingaggio di un terzo allenatore per la stagione 2018/19.

I sei anni al Genoa di Davide Nicola, conditi dalle 166 presenze dell’ex allenatore del Crotone, ne farebbero un profilo ben accetto se solo non vi fosse l’Udinese pronta a fargli firmare il contratto che con ogni probabilità sancirà la fine della gestione Velazquez. Le altre piste sono le più disparate, vanno da Claudio Ranieri a Cesare Prandelli, coi vari Donadoni e Tudor in mezzo. Resta anche la candidatura di Davide Ballardini, ancora a libro paga del club più antico d’Italia, mentre di certo c’è che Juric – così come lo scorso anno, quando il 4 novembre 2017 pagò con l’esonero la sconfitta nel derby – avrà il match con la Sampdoria a pesare sul suo futuro. In caso di sconfitta coi blucerchiati, poi, si delineeranno gli scenari che porterebbero a un suo allontanamento. Prima, però, servirà preparare al meglio il derby della Lanterna. Con la certezza che, tra due squadre che non vivono un momento positivo (la Sampdoria è reduce dal 4-1 rimediato all’Olimpico contro la Roma), qualche panchina potrebbe saltare.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.