Gazzetta dello Sport, Romulo: “Magari segno al 95′”

Il numero 8 del Genoa ha presentato ieri il suo sito

713
Romulo
Romulo (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“In città non si parla d’altro, per strada e al ristorante i tifosi mi fermano in continuazione, chiedendomi di battere la Samp. Vorrei regalare questa gioia a tutti loro e anche a noi stessi per cancellare le ultime settimane difficili, magari con un mio gol al 95′. Quello genovese è sicuramente il derby più sentito, a Torino se giochi nella Juve è una partita come tutte le altre, c’è troppo divario tra le squadre. Mentre a Verona la differenza è di pubblico, i tifosi del Chievo sono pochissimi perciò in settimana non si avverte la tensione che dovrebbe accompagnare un derby”. L’ha raccontato Romulo ieri, all’Aspria Harbour Club di Milano dove ha presentato ufficialmente il suo sito ufficiale (www.romulocaldeira.com), soffermandosi sul modo rovente in cui sia vissuta una simile gara. Una passione che come detto non si respira a Torino né Verona, precedenti piazze in cui il centrocampista brasiliano ha militato.

“Da un anno e mezzo insieme allo Studio Assist&Parners volevo creare un canale che mi permettesse di essere vicino ai tifosi. Sul sito ci sarà la possibilità di interagire direttamente tra me e loro”, ha aggiungo CR8, che sulla home ha voluto l’immagine di un leone a testimonianza di forza e fierezza: “Anche perché lotto e non mollo mai, finché non conquisto la preda. Tra 2014 e 2016 mi sono sottoposto a cinque operazioni e ho rischiato di smettere. Ho perso il Mondiale e la Juve, non sentivo più forza nelle gambe. Piangevo tutti i giorni, ma non mi sono arreso e sono tornato a giocare”. Romulo ha infine spiegato un’iniziativa benefica cui parteciperà in occasione del derby di domenica (“Donerò all’associazione Live Onlus la maglia e i parastinchi che indosserò in Genoa-Samp, il ricavato andrà direttamente devoluto per l’acquisto di defibrillatori e materiale di primo soccorso da utilizzare in manifestazioni sportive”), concludendo: “Spero di restare qui a lungo, l’Italia ormai è casa mia. Ho comprato casa a Verona e a fine carriera andrò a vivere lì con mia moglie Pamela”. A riportare la notizia, questa mattina, La Gazzetta dello Sport.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.