Gazzetta dello Sport, Piatek-Milik è derby di Polonia

Sfida tra i due connazionali, sabato al Ferraris

260
Piatek
Piatek con la Polonia (foto @UEFAEURO)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il confronto tra il rendimento di Krzysztof Piatek e quello di Arkadiusz Milik in nazionale è particolarmente interessante per via dello stesso numero di apparizioni dei due connazionali in campo con la maglia della Łączy nas piłka. Dodici, 718′ giocati da Piatek e 993′ da Milik. Quattro le reti messe a segno dal pistolero di Dzierżoniów, ben tredici quelle dell’ariete di  Tychy. La punta del Napoli vanta numeri ben migliori rispetto a quelli della controparte genoana: 50 tiri contro 33 (21 e 15 nello specchio), 26% contro 12,1% in quanto a percentuale realizzativa. Pur tenendo conto del recente exploit di Piatek, convocato da Jerzy Brzęczek che ha premiato il suo eccezionale rendimento in Serie A con la maglia del Genoa (non va dimenticato che resta il capocannoniere del torneo).

Dalle fila dei Biało-czerwoni, “biancorossi”, il confronto tra i due attaccanti si sposterà sul prato del Ferraris sabato, per un Genoa-Napoli dall’innegabile sapore di contestazione. Milik arriva al duello con tanta rabbia in corpo, tra la sentita esultanza contro l’Empoli e le tante panchine al cospetto di Dries Mertens. Piatek del resto ha 23 anni, uno in meno dell’ex Ajax, ed è ampiamente considerato il futuro del calcio polacco. La loro sarà una sfida incrociata, dal retrogusto di gol, fermo restando che tra i due è l’attaccante del Genoa quello che finora sta riscuotendo maggiori consensi (merito delle 9 realizzazioni in Serie A 2018/19). A riportare la notizia, La Gazzetta dello Sport stamani in edicola.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.