Gazzetta dello Sport, Juric: “La squadra mi segue, che soddisfazione”

Il mister espulso ma applaudito dai suoi tifosi

868
Ivan Juric (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Genoa ha giocato meglio, quando regali situazioni come questa (il rigore, ndr) poi le paghi“. Nella sincerità del portiere sampdoriano Emil Audero c’è lo specchio di una gara che sostanzialmente il Grifone ha tenuto in pugno. Nella serata in cui Juric è stato applaudito dai suoi tifosi, uno scroscio di 20 secondi, tempo di uscir dal campo dopo il suo allontanamento da parte dell’arbitro Rocchi, s’è capito che l’indisposizione iniziale ha lasciato spazio a un progressivo riconoscimento dei meriti del tecnico croato: “La squadra mi ha dato grandi soddisfazioni, mi ha seguito sempre, e questo è il più grande motivo di soddisfazione” ha commentato il diretto interessato, ripreso stamani da La Gazzetta dello Sport.

Poco importa che poco dopo la mezz’ora, ieri sera, Juric si sia ampiamente sfogato col vice Murgita venendo allontanato dall’arbitro. Accompagnerà il Genoa a Torino dunque, ma non potrà sedersi in panchina per via di quella reazione, sotto gli occhi di Rocchi, che gli è valsa il quattro abbozzato con la mano dal fischietto toscano a indicar le precedenti volte in cui era stato ripreso. “Non ho offeso nessuno, non ci sono state ingiurie, ero arrabbiato, può succedere, ma ovviamente mi dispiace – ha commentato il mister del Genoa, salvo spostar subito l’argomento di discussione – ho una squadra di uomini veri, ci aspettano partite difficili adesso ma ho grande fiducia“.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.