GAZZETTA DELLO SPORT – Focus economico, serie A in emergenza

Persi 754 milioni nel 2019-20 ma il Covid c'entra solo in parte, debiti raddoppiati in 10 anni

668

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Numeri da emergenza economico-finanziaria, quelli emersi nell’inchiesta della Gazzetta dello Sport sui club in serie A nella stagione 2019-2020 (quando c’erano Lecce, Brescia e Spal poi retrocesse). La perdita aggregata è di 754 milioni di euro, contro il rosso di 292 milioni del 2018-19: il fatturato al netto delle plusvalenze è crollato da 2,2 miliardi dai precedenti 2,7 miliardi. Preoccupano i debiti, al netto dei crediti, che sfiorano 2,8 miliardi, 300 milioni in più della stagione precedente: 10 anni fa ammontavano a 1,4 miliardi, ossia la metà. E’ stata presa in esame anche la situazione dei bilanci di sette club che hanno chiuso l’esercizio al 31 dicembre 2019, al contrario degli altri che lo hanno concluso al 30 giugno 2020: Atalanta, Fiorentina, Genoa, Sampdoria, Sassuolo, Spal e Torino. Il club rossoblù aveva allora questi dati: 74,4 miloni di ricavi, 124,4 milioni di costi, 76 milioni di plusvalenze, risultato netto +10,2, debiti netti 93,8, patrimonio netto -5,5. Il quotidiano chiosa: «Ma non è il caso di dividere buoni e cattivi. Questa è una crisi di sistema. E come sistema va affrontata».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.