Gazzetta dello Sport, Coppa Italia per cinque gregari

In vetrina contro l'Entella: Marchetti, Lopez, Rolon, Medeiros e Lapadula

831
La Formazione del Genoa contro la Juventus (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Sono cinque, sei contando anche il tecnico Ivan Juric. Sono i personaggi in cerca di spazio, per cementare ancor di più la loro posizione all’interno del Genoa e mostrare il loro valore prima delle turbine del calciomercato invernale. Federico Marchetti, Lisandro Lopez, Esteban Rolon, Iuri Medeiros e Gianluca Lapadula sono tutti – per un motivo o l’altro – al momento in uscita dal club più antico d’Italia, dunque proveranno a sfruttar al meglio l’occasione di Coppa Italia. Questa sera, secondo La Gazzetta dello Sport, nel mini-derby ligure che opporrà al Genoa la Virtus Entella (ore 18, stadio Ferraris) toccherà a loro.

Marchetti, che già sotto la gestione Ballardini aveva perso lo status di titolare dovendo far da riserva al giovane Radu, ormai non gioca dal 23 settembre: tornò a Roma per incontrar la sua Lazio e ne uscì ridimensionato, con quattro gol, fischi e papere, ora potrebbe salutare la Lanterna perché pare cercato dall’Hellas Verona. Lisandro Lopez, oggetto misterioso, non ha trovato spazio: arrivato in prestito dal Benfica e tallonato da infortuni (distorsione alla caviglia in agosto, lesione di primo grado al bicipite femorale), l’argentino paga pure la crescita di Romero e stasera tornerà in campo dopo 10 mesi (Inter-Bologna 2-1, in cui sostituì Joao Miranda per 45′). Rolon sarebbe il vice Sandro, corteggiato al Malaga fino alla sua firma, ma dopo sole 8 apparizioni ne La Liga dello scorso anno è arrivato a ritiro iniziato: non gode di troppa considerazione, a tal punto che il Genoa anziché dargli spazio ha ripreso Miguel Veloso. Medeiros è al Genoa da gennaio, la scorsa stagione si ritagliò uno spazio (11 partite e 2 gol), quest’anno la musica è drammaticamente cambiata: oggi ha due presenze, contro Lazio e Parma, da trequartista e attaccante, in un reparto affollatissimo (Piatek, Kouamé, Favilli, Pandev, Lapadula). Lapadula nei piani rossoblù sarebbe stato l’attaccante titolare della scorsa stagione: un anno fa aveva segnato 6 volte in 28 gare, oggi ha risentito più di tutti dell’exploit di Piatek e non è praticamente mai stato impiegato prima dell’impegno di domenica scorsa contro il Torino.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.