Gasperini: «Contro la Samp non ci saranno cali di tensione»

Gianpiero Gasperini è apparso sereno e molto fiducioso della reazione dei suoi uomini. Nonostante le porte chiuse i tifosi hanno srotolato uno striscione di incitamento per i giocatori

36

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

A meno di quattro giorni dal derby, comincia a salire la febbre in città. Il Genoa da oggi si allenerà a porte chiuse e nessun giocatore potrà dialogare con la stampa. Solo il tecnico Gianpiero Gasperini si è concesso ai mass media. «Questa partita arriva nel momento giusto – spiega il tecnico rossoblu – sia perché siamo reduci da due sconfitte consecutive, sia perché siamo al termine della stagione. Sono convinto che nel derby non ci sarà quel calo di tensione e di carica nervosa, che purtroppo ci è venuta a mancare contro il Bologna. Certo contro i felsinei abbiamo perso una buona occasione per restare al quarto posto, e se con la Lazio la sconfitta ci poteva stare per il blasone degli avversari, contro il Bologna avevamo la possibilità di fare molto di più e di raggiungere un risultato importante. Purtroppo siamo mancati noi. Nel colloquio che abbiamo avuto lunedì ci siamo detti che c’è stato forse un calo di concentrazione che ci ha fatto apparire più stanchi degli avversari che ne hanno subito approfittato». Ecco in sintesi spiegata da Gasperson la sconfitta di domenica. Il presente però si chiama derby, «le risposte le daremo nel derby» chiosa il tecnico di Grugliasco che sorridendo aggiunge: «Siamo una squadra piuttosto pallida, speriamo di rianimarci domenica». Insomma una risposta alle dichiarazioni di Cassano (del derby di andata ndr) riguardo alla presunta paura del Genoa nell’affrontare i blucerchiati. E se di formazione il mister non ha fatto nessun accenno, ha però inquadrato così la Sampdoria: «I nostri avversari avranno voglia di vincere perché se arrivasse un’altra sconfitta sarebbe davvero pesante. Queste sono gare dove la situazione di classifica non conta assolutamente nulla. Con l’arrivo di Pazzini hanno dato un valore aggiunto ad una formazione che comunque ho sempre ritenuto molto buona. Per noi è già una grande soddisfazione essere arrivati a cinque giornate dal termine, sopra dei blucerchiati. Risultato storico che mancava da parecchi anni». Poi il mister rossoblu spiega: «Noi vogliamo raggiungere un traguardo importante che vada dal 4 al 6 posto, con le differenze che ci sono a seconda del piazzamento. Mi auguro però che anche la Sampdoria raggiunga l’Europa, perché avere per la città due compagini in Europa sarebbe davvero prestigioso».

Gianpiero Gasperini è apparso sereno e molto fiducioso della reazione dei suoi uomini. Nonostante le porte chiuse i tifosi hanno srotolato uno striscione di incitamento per i giocatori.

 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.