Fonseca: «Genoa? Sarà dura, hanno una prima fase di costruzione forte»

Il tecnico della Roma: «Sarà una partita difficile, il Grifone con Ballardini è una squadra fortissima, aggressiva e che pressa molto»

892
Paulo Fonseca (Tweet ufficiale As Roma)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Sarà una partita difficile, il Genoa con Ballardini è una squadra fortissima, aggressiva e che pressa molto. Sarà dura, hanno una prima fase di costruzione forte». Il tecnico della Roma, Paulo Fonseca, ha messo in guardia la sua squadra dal Grifone che affronteranno domani alle 12:30. Ecco come potrebbere giocare domani i giallorossi: «Ripeto, il Genoa attacca alto e non sarà la stessa partita come quella contro il Benevento. Per noi quella gara è stata importante, l’abbiamo vista ed analizzata. Contro la Fiorentina abbiamo vissuto dei momenti simili e siamo riusciti a creare. Se in altre partite capiteranno squadre così chiuse sapremo come fare, è difficile per tutti ma è importante capire cosa fare. Penso che la squadra abbia capito cosa fare in certe situazioni».

Riguardo all’assenza di Veretout: «Veretout è stato importante principalmente in questa stagione nel momento offensivo. Ogni gara abbiamo una strategia, abbiamo Villar che può giocare in quella posizione o Pellegrini. Volendo anche Mkhitaryan può giocare al suo posto. Domani farò la scelta migliore per la squadra». Sulle condizioni di Mkhitaryan: «Possiamo giocare con Miki come attaccante. Ultimamente non ha segnato, ma il problema è che prima segnava senza. Ma non ci sono problemi. Sta giocando e creando molto per la squadra. Conta far fare gol».

Infine, Fonseca risponde sulle troppe partite da giocare: «La soluzione è giocare meno, la pensano così molti allenatori. Sono tante partite ed è normale che ci siano tanti infortuni. È capitato a squadre come Real Madrid e Liverpool. Basterebbero meno competizioni per le Nazionali, non è normale per i giocatori».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.