Fondazione Genoa bacchetta Tuttosport: “Genova culla del calcio italiano”

Ogni rivendicazione di primogenitura deve essere supportata da un atto di fondazione, cosa che né Torino FCC, Nobili o Internazionale, né FC Torinese 1894, possono avanzare

900
Genoa Fondazione Genoa
James Richardson Spensley
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

La Fondazione Genoa ha risposto con un preciso comunicato stampa all’articolo di Tuttosport, firmato da Marco Bonetto, intitolato “Un toro mai visto. Un pioniere dell’800 fa risalire il club al 1891“. Fosse vero, il Grifone non sarebbe il club più antico d’Italia. Il problema, però, è la storia, che perpetra nel dare ragione al Genoa.

Il Comitato Storico Scientifico della Fondazione rossoblù spiega, nel comunicato ufficiale.

In merito alla recente auto-referenziazione della nuova società calcistica F.C. Torinese 1894 – costituitasi nel 2018 per cambio di denominazione dell’ASD Talent Scout e partecipante oggi al campionato di terza categoria – quale club calcistico più antico d’Italia e all’articolo “Un toro mai visto. Un pioniere dell’800 fa risalire il club al 1891” a firma di Marco Bonetto (Tuttosport, 4.12.2018, p. 16), il Comitato Storico Scientifico della Fondazione Genoa 1893 considera:

  • del tutto arbitrario e frutto di una soltanto parziale conoscenza storica il fatto di sostenere che il football sia stato praticato all’interno del Genoa Cricket and Athletic Club 1893 unicamente a partire dal 1896, ossia dall’arrivo a Genova di James Richardson Spensley. Come la documentazione storica in nostro possesso dimostra chiaramente ed inequivocabilmente, il football, secondo le norme della International Football Association Board (IFAB), fu fedelmente praticato per primo in Italia dal Genoa, fin dalla sua fondazione insieme al nuoto e all’atletica, anche se acquisì un livello di attività organizzata e sistematica quanto il cricket proprio con l’arrivo di Spensley;
  • comunque non accettabile sostenere una qualsivoglia continuità storica e di matricola tra una società di fatto costituita nel 2018 e un’altra scioltasi nel 1906.

Inoltre, con riferimento all’argomentazione secondo cui la città di Torino sarebbe l’indiscussa culla del calcio italiano, il Comitato Storico Scientifico precisa che:

  • all’atto delle sue prime partite giocate a Torino, Herbert Kilpin dichiarò, nel 1915, a “ La Gazzetta dello  Sport “come fosse arcaico e assai distante dalle regole britanniche il football praticato dalle prime squadre torinesi”;
  • lo stesso Kilpin disse chiaramente di aver giocato “ prima “ nella Torinese e “ poi “ nell’Internazionale, il che, se fosse confermato, sposterebbe in data ancor più recente la pratica a Torino di un football arcaico che, solo col tempo, si adeguò completamente alle regole IFAB;
  • qualsiasi rivendicazione di primogenitura deve necessariamente essere supportata da un vero e proprio atto di fondazione, cosa che né Torino Football and Cricket ClubNobili o Internazionale, e né tantomeno F.C. Torinese 1894, possono avanzare.

Diversamente, il Genoa Cricket and Football Club, con atto ufficiale di fondazione datato 7 Settembre 1893, certifica in modo incontrovertibile il più antico documento di origine di una società di calcio IFAB nel nostro Paese: quella del “Club più antico d’Italia“.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.