Fiorentina, Montella: «Il Genoa ha meritato la vittoria»

Il tecnico viola: «Avevamo iniziato bene, con trame veloci per 20'. Poi però alla prima difficoltà ci siamo persi»

3290
Vincenzo Montella durante Genoa-Fiorentina (foto tweet ufficiale Acf Fiorentina)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Al termine della sfida del Ferraris, che ha visto il Genoa battere la Fiorentina per 2-1 con le reti di Zapata e Kouamè, il tecnico della formazione viola, Vincenzo Montella, ha parlato ai microfoni di Sky Sport: «Avevamo iniziato bene, con trame veloci per 20′. Poi però alla prima difficoltà ci siamo persi. Nel secondo siamo partiti bene ma il Genoa ha legittimato la vittoria. Dopo aver rischiato il 3-0, alla fine la mia squadra mi è piaciuta perché poteva anche pareggiarla. Avevamo quattro ’97 e due ’99 in campo, siamo giovani e gli alti e bassi ci stanno. Sappiamo di aver puntato sui ragazzi, e dobbiamo accettare qualche interpretazione a prescindere dall’età. L’entusiasmo va mantenuto ma ci servono i risultati, oltre ad un’identità. Per fortuna finisce il mercato, ora è importante ripartire con convinzione».

Su Pulgar:

«Lui e Badelj sono più complementari se giochiamo a due. Pulgar fa bene da interno ma si sta adattando, e preferisco avere un centrocampista in più. A meno che non ci sia da forzare, come oggi nel finale, non possiamo ancora permetterci due soli mediani».

Sulla necessità di maggior continuità:

«Se avessimo questa continuità per novanta minuti non sarebbe normale. Lavoriamo con sedici giocatori nuovi, solo cinque dell’anno scorso».

Sul nuovo giocatore in arrivo, Pedro:

«Non parlo di mercato, e a maggior ragione dopo una partita quando non ho ancora sentito la società. Le idee si conoscono, e se sarà possibile fare qualcosa si farà. Una volta anche Berbatov era in volo…».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.